01:46 17 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
306
Seguici su

Gli operatori sanitari di Eluru, nell'Andrha Pradesh, sono al lavoro per determinare la natura della nuova patologia riscontrata finora in oltre 300 persone con gli stessi sintomi.

Le autorità sanitarie indiane continuano a brancolare nel buio in seguito all'individuazione di un nuovo, misterioso morbo nella città di Eluru,circa 190mila abitanti nell'Andhra Pradesh indiano, capace di causare lo svenimento improvviso degli individui infetti dopo la manifestazione di sintomi tra cui brividi, schiuma alla bocca, nausea e convulsioni.

Come riferito da un anonimo operatore sanitario a Sputnik, è tuttavia ancora troppo presto per trarre delle conclusioni nette sulla natura della nuova malattia:

"Le nostre equipe stanno lavorando per accertare la causa della malattia. Una persona è morta finora ma la maggior parte dei pazienti sta bene e si sta riprendendo", ha sottolineato.

Finora ad essere stata esclusa è l'ipotesi di un'intossicazione dovuta all'assunzione di acqua contaminata, dal momento che ad ammalarsi sono stati anche soggetti che non hanno consumato altra acqua se non quella imbottigliata.

Molto poco probabile anche che si tratti di una malattia altamente contagiosa, dal momento che non sono stati rilevati casi di questo genere. e anche che si possa trattare di conseguenze legate al Covid-19, dal momento che tutti i pazienti erano negativi.

Al contrario, è stato confermato che la patologia è in grado di interessare soggetti di età anche molto diverse tra loro.

Il morbo di Eluru

Come riportato da Press Trust of India, la vittima accertata di questa misteriosa sindrome, era un uomo di 45 anni che è stato ricoverato domenica mattina al Government General Hospital di Eluru ed è morto la sera.

Stando a quanto riferito, buona parte delle 345 persone ricoverate  è stata dimessa dopo essere stata sottoposta ai necessari test e dopo che i medici hanno accertato un sostanziale miglioramento delle loro condizioni.

 

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook