01:36 17 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
201
Seguici su

Il governo di Londra ha espresso fiducia circa la possibilità di ricevere fino a 800.000 dosi di vaccino nella sola prima settimana.

Nel Regno Unito prenderà il via quest'oggi il V-Day, il programma di vaccinazione di massa contro il coronavirus annunciato la scorsa settimana dal ministro della Salute Matt Hancock.

Il primo ministro del Paese Boris Johnson, in un intervento della vigilia, ha definito questa giornata "un enorme passo in avanti" e ha espresso il proprio "immenso orgoglio" per il lavoro degli scienziati che hanno lavorato al vaccino Pfizer/BioNTech, quello che sarà utilizzato in Gran Bretagna.

"La giornata di oggi segna un enorme passo in avnati nella lotta del Regno Unito contro il coronavirus, in quanto inizieremo a vaccinare i primi pazienti in tutto il Paese. Sono immensamente fiero degli scienziati che hanno sviluppato il vaccino, delle persone che hanno preso parte alle sperimentazioni, e del Servizio sanitario nazionale, che ha lavorato senza sosta per preparare il tutto", sono state le parole accorate di BoJo.

Il premier ha comunque avvertito che "le vaccinazioni di massa richiederanno tempo" e ha ribadito che sarà ancora una volta necessario l'impegno di tutti per far fronte "alle sfide rimanenti nelle settimane e nei mesi a venire".

Come da programmi, saranno circa 50 le strutture ospedaliere che avvieranno le procedure di vaccinazione, che vedranno in primo luogo coinvolti i gruppi più a rischio: operatori sanitari e persone in età avanzata.

In precedenza, il Consiglio dei Ministri britannico aveva espresso fiducia circa il fatto che circa 800.000 dosi del vaccino americano-tedesco sarebbero arrivate nel Paese entro la fine delal settimana.

Il programma di vaccinazione era stato annunciato da Londra all'inizio della scorsa settimana.

Il vaccino Pfizer/BioNTech

Pfizer ha riferito che sono stati rilevati 170 casi di malattia nei suoi test clinici su più 43mila volontari, di cui 162 sono stati osservati nel gruppo di riferimento di persone a cui è stato somministrato placebo, mentre 8 nel gruppo di quelli che hanno ricevuto il vaccino.

La società ha inoltre affermato che il vaccino è stato ben tollerato e che gli effetti collaterali sono stati per lo più da lievi a moderati e si sono risolti rapidamente.

L'unico evento avverso degno di nota che ha colpito più del 2% dei vaccinati è stato l'affaticamento, accusato dal 3,7% dei riceventi la seconda dose di vaccino. Gli anziani tendevano a segnalare un minor numero di eventi avversi a seguito della vaccinazione.

Il Covid-19 nel Regno Unito

Attualmente sono 1,7 milioni i casi di coronavirus registrati nel Regno Unito, a fronte di un bilancio delle vittime di oltre 61.000 morti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook