00:35 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
Di
0 36
Seguici su

Il governo bavarese ha deciso di introdurre lo "stato di catastrofe" per poter varare misure più restrittive ed abbassare i contagi. Da mercoledì entrerà in vigore il coprifuoco dalle 21 alle 5 in alcune città del Land. Si potrà uscire di casa soltanto con un valido motivo.

Con oltre 175 nuovi casi ogni 100mila abitanti la Baviera è costretta a fare un salto indietro alla scorsa primavera e a reintrodurre lo “stato di catastrofe” per poter rafforzare le misure restrittive anti-Covid.

È quanto è emerso ieri durante una riunione in video conferenza coordinata dal premier bavarese Markus Söder.

“I numeri sono semplicemente troppo alti”, ha spiegato ai giornalisti annunciando le nuove disposizioni, che entreranno in vigore da mercoledì prossimo e dureranno circa un mese.

Nelle aree con più di 200 nuovi contagi ogni mille abitanti verrà introdotto il coprifuoco dalle 21 alle 5. In tutto il Land, inoltre, si potrà uscire di casa solamente con un motivo valido come andare a scuola, al lavoro, dal medico, a fare sport o andare a comprare i regali di Natale. Le scuole superiori dovranno alternare le lezioni in presenza con quelle da remoto, ma se i contagi dovessero salire ulteriormente si potrebbe virare verso la didattica a distanza.

Le restrizioni dovrebbero essere allentate per le festività natalizie, quando sarà consentito riunirsi nelle abitazioni a gruppi di dieci persone al massimo, ma non per Capodanno.

Ratisbona, Passau e Norinberga sono le città più colpite nel Land in cui vivono circa 13 milioni di persone e che ha il tasso di infezioni maggiore di tutta la Germania. Sabato nel Paese ci sono stati 482 morti per il Covid e in alcune città le terapie intensive, secondo i media tedeschi, come la Deutsche Welle, sono al limite.

“Dobbiamo fare di più, dobbiamo agire”, ha insistito Söder, che ritiene “insufficiente” il "lockdown soft" introdotto ad inizio novembre dalla cancelliera Angela Merkel.

La mossa del premier bavarese è stata accolta con favore a Berlino, dove il responsabile per la sanità dell’Spd, Karl Lauterbach, si è detto d’accordo con Söder.

Con il numero di infezioni che la scorsa settimana ha superato il milione in tutta la Germania, anche la vicina Turingia pensa a provvedimenti più restrittivi. Per il momento il governatore di sinistra, Bodo Ramalow, ha annunciato che non ci sarà nessun rilassamento delle misure per le festività natalizie.

Secondo i dati dell’Istituto Robert Koch il Land più colpito al momento è la Sassonia, con 301 contagi per 100mila abitanti, poi c’è la città di Berlino, con 182, la Baviera, con 175, e la Turingia con 167 nuovi casi ogni 100mila persone.

Correlati:

Germania, a Dusseldorf proteste contro le misure anti-Covid del governo - Diretta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook