07:15 23 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
122
Seguici su

Constanze Manziarly era una cuoca austriaca che lavorava per il nazista Adolf Hitler. Grazie alle lettere che ha scritto alla sua famiglia, ora possiamo scoprire qual è stato l'ultimo pasto del 'führer'. La sua testimonianza è stata raccolta dallo scrittore Stefan Dietrich nel suo libro "Constanze Manziarly: l'ultima cuoca di Hitler".

Si tratta di un archivio di 18 lettere datate tra l'aprile 1943 e il dicembre 1944. Dietrich è venuto a conoscenza del contenuto di queste lettere grazie alla sorella di Manziarly. Nelle sue testimonianze, la cuoca ha rivelato alla sua famiglia le abitudini alimentari "molto specifiche" dei nazisti, i problemi di digestione cronici che il dittatore stesso aveva e lo stress che lei ha vissuto mentre lavorava per Hitler.

Forse l'informazione più interessante che si poteva trovare in queste lettere riguardava l'ultima cosa che il leader nazista aveva mangiato prima di suicidarsi. Il 30 aprile 1945 Manziarly cucinò gli spaghetti per Hitler "con una leggera salsa di pomodoro", sottolinea lo scrittore.

Le lettere del cuoco non sono l'unica testimonianza che contiene informazioni sul menu di quel giorno. Uno dei due segretari di Hitler, Traudl Junge, scrisse nel suo diario che a Manziarly fu ordinato di preparare una cena come se fosse per il leader nazista con l'intenzione di nascondere la sua morte.

"Ma nessuno ha mangiato le uova fritte e il purè di patate", ha rivelato il libro di memorie di Junge.

Tuttavia, Dietrich è scettico sulla questione e sottolinea che deve essere un errore, poiché nessuno sarebbe in grado di vedere o notare cosa stava facendo Constanze.

Come è diventata la cuoca di Hitler?

Constanze Manziarly è nata il 14 aprile 1920 nella città austriaca di Innsbruck in una famiglia borghese e prende il nome dalla moglie del leggendario musicista Mozart. Grazie al suo interesse per la musica ha imparato a suonare il pianoforte. Inoltre, aveva un carattere calmo, era attenta, coscienziosa e ben istruita, ricorda lo scrittore.

​Dopo essersi diplomata all'Istituto statale per le professioni economiche di Innsbruck dove ha studiato cucina dietetica, la giovane donna ha ottenuto uno stage presso l'ospedale del professor Werner Zabel: Biologisches Kurheim. Questa clinica privata era vicino alla città di Berchtesgaden, dove Hitler aveva una delle sue residenze.

In effetti, fu Zabel a incaricare Constanze Manziarly di preparare la dieta e i pasti per Hitler, che a quel tempo licenziò il suo cuoco perché di discendenza ebraica.

Durante il suo servizio per il leader nazista, la giovane donna non ha mostrato molto entusiasmo per il suo lavoro e ha dichiarato in una delle sue lettere di averlo fatto per obbligo. Era l'inizio di luglio 1944 quando alla donna fu chiesto se era disposta a unirsi alla squadra di Hitler.

"La gente continua a dirmi che questa missione è un privilegio, che migliaia di persone mi invidiano. Oh, se solo sapessero cosa c'è in tutto questo! Come lo consegnerei volentieri a qualcuno con esperienza, qualcuno più appropriato, e tranquillità invece", ha scritto l'austriaca in una delle sue lettere.

Sfortunatamente, non ci sono prove o informazioni sulla posizione finale della giovane donna dopo che Hitler si è suicidato.

Tags:
Nazismo, Adolf Hitler
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook