04:31 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
6120
Seguici su

Secondo le previsioni delle Nazioni Unite, la crisi sanitaria ed economica sarà seguita nel 2021 da una vasta crisi umanitaria. L'ONU chiede che i paesi ricchi aiutino i paesi poveri a combattere la pandemia di coronavirus.

Il prossimo anno si preannuncia come una catastrofe umanitaria, lo hanno detto il 4 dicembre all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, il capo del Programma alimentare mondiale (WFP) David Beasley e il capo dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in una riunione speciale sul Covid-19, che ha già contagiato 65 milioni di persone in tutto il mondo.

"Il 2021 sarà letteralmente catastrofico da quello che vediamo ora", ha detto Beasley, aggiungendo che per una dozzina di paesi, la carestia sta "bussando alla porta", riferisce Reuters. Ha detto che il prossimo anno sarà probabilmente "il peggior anno di crisi umanitaria dall'inizio delle attività delle Nazioni Unite" avvenuto 75 anni fa.

Povertà e carestia

La pandemia ha gettato centinaia di milioni di persone nella povertà e la carestia si profila che esploderà entro il 2021. Nell'immediato futuro, 235 milioni di persone avranno bisogno di aiuti umanitari in tutto il mondo, un nuovo record, lo ha detto l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, citato da ABC News.

"Per la prima volta dalla fine degli anni '90, la povertà estrema è aumentata. L'aspettativa di vita sta diminuendo in tutto il mondo e il numero annuale di morti per HIV, tubercolosi e malaria potrebbe raddoppiare", ha avvertito il funzionario degli affari umanitari Mark Lowcok.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e i suoi alti funzionari hanno anche chiesto che i vaccini Covid-19 siano messi a disposizione di tutti e che i paesi ricchi aiutino i paesi in via di sviluppo a combattere la pandemia.

Ghebreyesus ha chiesto un investimento immediato di $ 4,3 miliardi in un programma globale di condivisione dei vaccini. "Questa è una crisi globale e le soluzioni devono essere condivise equamente."

Tags:
ONU, fame
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook