16:14 24 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
312
Seguici su

Sapevamo che sarebbe successo, il problema era piuttosto quando e non se si sarebbe manifestata una pandemia. Sono le parole di Jude Law, uno dei protagonisti di Contagion del 2011.

Jude Law quando ha appreso che un virus stava diffondendosi per il mondo e ancor di più quando in marzo l’Organizzazione mondiale della sanità ha dichiarato pandemia, lui non ne è rimasto particolarmente sorpreso.

Jude Law ha pensato a Contagion, il film di Steven Soderbergh del 2011 di cui lui è stato uno dei protagonisti.

Il film raccontava con scene a noi oggi note nella realtà, qualcosa che allora si credeva confinato solo all’interno della mente di qualche fantasioso scrittore, o sceneggiatore, o nella mente “visionaria” di un regista. Tuttavia oggi sappiamo che non è così, ma la questione è che in realtà quello che Contagion raccontava era la ricostruzione non tanto della fantasia (o almeno non solo) degli sceneggiatori, ma frutto degli scenari forniti dai consulenti del film: virologi, epidemiologi.

Del resto chi ha letto Spillover di David Quammen sa di cosa si sta parlando qui: non di premonizione o di profezie di Nostradamus, semplicemente di scienza non ascoltata.

Non molto sorpreso

Proprio così, Jude Law non è rimasto molto sorpreso da quanto è accaduto perché lui, come attore, per impersonare il suo personaggio, ha discusso a lungo con i  consulenti scientifici del film. Da loro ha ascoltato cosa accade e come si interviene quando la desease X si manifesta.

Jud Law nel film Contagion
Jud Law nel film "Contagion"
Desease X, per chi non lo sapesse, è il modo con cui l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) definisce da anni la malattia X, ovvero una malattia non nota che in qualsiasi momento della storia si potrebbe palesare a noi.

Sarebbe accaduto: lo sapevamo

Law ha presentato il suo prossimo film, The Nest, e parlando con GQ ha detto:

“Quando è iniziato il 2020, e abbiamo saputo di ciò che stava accadendo inizialmente in Cina e di ciò che è diventato rapidamente evidente in tutto il mondo, è suonato un campanello d'allarme”.

Law spiega che sul set c’erano degli esperti e “ci dissero che questo sarebbe accaduto e che bisognava semplicemente capire quando piuttosto che se”.

E alla fine dell'intervista confessa che si è spaventato a morte quando ha preso coscienza che la finzione stava diventando realtà.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook