22:05 13 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
402
Seguici su

Una vulnerabilità critica è stata scoperta in Windows 7, riferisce ZDNet, citando l'esperto francese di sicurezza informatica Clément Labro.

Secondo quanto affermato dall'esperto, un utente malintenzionato può raccogliere le chiavi di registro e ottenere l'accesso al sistema attraverso i buchi in Endpoint Mapper e DNSCache. Questi componenti vengono utilizzati durante l'installazione del sistema operativo.

I componenti compromessi non possono danneggiare gli utenti delle nuove versioni del sistema operativo, ma in Windows 7 e Windows Server 2008 non hanno privilegi limitati.

Si nota che stiamo parlando di una vulnerabilità zero-day, cioè di un problema per il quale non è stata ancora trovata una soluzione. Dal momento che Microsoft ha smesso di supportare i suoi vecchi sistemi, le possibilità di risolvere la vulnerabilità scoperta sono estremamente basse.

Il 14 gennaio Microsoft ha interrotto il supporto per Windows 7 e si è concentrata sullo sviluppo di Windows 10. Gli utenti possono continuare a lavorare sulla vecchia versione, ma il sistema operativo non riceverà più aggiornamenti.

I rappresentanti di Microsoft hanno sostenuto la loro decisione dal fatto che il sistema operativo ha già più di dieci anni, durante cui sono comparsi molti nuovi tipi di attacchi informatici.

Tags:
Società, Microsoft, Informatica
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook