02:20 20 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
142
Seguici su

La donna, che ha aggredito due visitatrici di un grande centro commerciale a Lugano, aveva già tentato di partire per la Siria per unirsi ad un militante di cui si era innamorata, ma è stata fermata al confine turco-siriano, ha riferito oggi la polizia federale svizzera.

Nella serata di ieri la polizia ha riportato che una cittadina svizzera ha attaccato due donne in un centro commerciale a Lugano.

La procura federale ritiene che l'attacco sia stato compiuto per motivazioni terroristiche ed ha avviato un procedimento penale.

La polizia ha anche riferito che la detenuta era già nota alle forze dell'ordine svizzere per un'indagine del 2017 sui jihadisti.

Secondo quanto dichiarato dalla polizia del canton Ticino, la 28enne svizzera ha aggredito due donne: la prima afferrandola per il collo con le mani e ferendo quindi la seconda sempre al collo con un'arma da taglio.

L'autrice dell'attacco è stata arrestata, le vittime hanno ricevuto ferite serie ma non si trovano in pericolo di vita, ha specificato la polizia.

"Da indagini di polizia condotte nel 2017 è emerso che la persona in questione si era innamorata sulle reti sociali di un combattente jihadista che si trovava in Siria. La donna aveva cercato di raggiungerlo, ma era stata arrestata dalle autorità turche al confine tra Turchia e Siria e successivamente rimpatriata in Svizzera", riferisce un comunicato della polizia federale.

Le forze dell'ordine osservano che la donna soffriva di problemi psicologici e al suo rientro in patria era stata collocata in un istituto psichiatrico.

"Dal 2017, la donna non è più comparsa nei dossier di fedpol legati al terrorismo", conclude il comunicato.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook