01:05 20 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
646
Seguici su

La compagnia farmaceutica britannica AstraZeneca e l'Università di Oxford hanno fissato la quantità di dosi di vaccino che produrranno.

L'Università di Oxford stima di mettere in circolazione in tutto il mondo 3 miliardi di dosi del vaccino anti-covid entro la fine del 2021.

"In collaborazione con AstraZeneca speriamo di fornire 3 miliardi di dosi del vaccino e di renderlo disponibile alle persone di tutto il mondo entro la fine del prossimo anno", ha affermato l'Università di Oxford in un tweet.

"Il vaccino di Oxford può essere conservato alla temperatura di frigo e distribuito rapidamente utilizzando l'infrastruttura esistente", viene aggiunto.

Nella giornata di oggi gli scienziati hanno reso noto i risultati preliminari della terza fase degli studi clinici del vaccino, sviluppato dalla AstraZeneca in collaborazione con l'Università di Oxford e l'azienda italiana Advent-Irbm di Pomezia.

Il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 è sviluppato sulla base di vettori virali derivati da adenovirus. Secondo le stime dei ricercatori, l'indicatore di efficacia del vaccino è pari al 70%, con l'efficacia minima al 62% e quella massima al 90%.

In precedenza, le compagnie farmaceutiche Pfizer e Moderna avevano affermato che i loro vaccini erano efficaci rispettivamente al 95% e al 94,5%.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook