15:55 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
2111
Seguici su

Il primo ministro australiano Scott Morrisson ha chiamato la sua controparte afghana, il presidente Ashraf Ghani, per scusarsi e "ha espresso il suo più profondo dolore per la cattiva condotta di alcuni soldati australiani in Afghanistan".

Il comandante delle forze di difesa australiane (Australian Defence Force, ADF - ndr), il generale Angus Campbell, ha rivelato giovedì che in un rapporto sui crimini di guerra è stato indicato che alcuni membri dell'Australian Special Air Services (SAS) sono stati coinvolti in molteplici uccisioni brutali di civili, o persone che non erano più combattenti, "da più di quattro anni".

Facendo luce sui risultati del rapporto, Campbell si è scusato con il popolo afghano a nome dell'esercito australiano.

"Al popolo afghano, a nome dell'Australian Defence Force, mi scuso sinceramente e senza riserve per qualsiasi crimine da parte dei soldati australiani", ha dichiarato Campbell rivelando i risultati.

Il rapporto è stato condotto dal generale Justice Paul Brereton in qualità di ispettore generale di un'inchiesta dell'Australian Defence Force, rivelando che 39 civili afghani sono stati uccisi in 23 incidenti da forze speciali o su loro ordine. Secondo quanto riferito, tutti gli omicidi sono stati commessi in circostanze che, se valutate da una giuria, sarebbero catalogate come assassinio di crimini di guerra.

Un totale di 25 responsabili sono stati identificati come quelli coinvolti nel rapporto sui presunti crimini di guerra, e alcuni stanno ancora prestando servizio nelle forze di difesa australiane.

Le azioni riportate dei militari sono state descritte come "vergognose e un profondo tradimento" dei militari australiani.

"In genere il comandante di una pattuglia prende una persona sotto controllo e il membro più giovane [...] sarebbe diretto per uccidere sotto il suo controllo", si indica nel rapporto dettagliato. 

Secondo il rapporto, i comandanti della SAS erano come "semidei" per i giovani ufficiali, motivo per cui rimasero in silenzio sulle loro azioni.

L'ufficio del presidente afghano, Ashraf Ghani, ha rivelato in un tweet giovedì che il premier australiano Scott Morrisson aveva chiamato Ghani per chiedere scusa per le uccisioni di cittadini afgani prima del rilascio del rapporto.

"In questa telefonata, il Primo Ministro australiano ha espresso il suo più profondo dolore per la cattiva condotta di alcune truppe australiane in Afghanistan e ha assicurato il presidente della Repubblica islamica dell'Afghanistan delle indagini e di garantire la giustizia", ​​ha twittato l'ufficio di Ghani.

Egli stesso avendo prestato servizio nell'esercito australiano, Brereton ha indagato sulle accuse di crimini di guerra contro le forze speciali australiane dal 2016, esaminando incidenti avvenuti tra il 2005 e il 2016. Secondo quanto riferito, ha esaminato circa 20.000 documenti e 25.000 immagini e ha intervistato 423 testimoni.

Le truppe australiane sono state inviate in Afghanistan nel 2001 sotto la cosiddetta operazione Slipper. Nel 2013, una base militare a Tarin Kowt è stata chiusa, tutti i soldati che sono stati rispediti a casa e sono rimasti solo i consiglieri militari e le unità delle forze speciali.

Correlati:

Londra mette in allerta forze speciali "per jihadisti travestiti da migranti" su navi britanniche
USA sfuggono a responsabilità per crimini di guerra imponendo sanzioni a Corte dell'Aia - Analista
Crimini di guerra, l'ex presidente del Kosovo Thaci respinge le accuse del tribunale dell'Aia
Tags:
Afghanistan
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook