22:16 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
152
Seguici su

Un cosmonauta russo potrebbe volare verso la Stazione Spaziale Internazionale per la prima volta sulla nuova navicella spaziale americana Crew Dragon di Elon Musk la prossima estate, dice Katie Luders, capo della Direzione voli con equipaggio della NASA.

Attualmente le due Agenzie spaziali, Roscosmos per la Russia, la NASA per gli Stati Uniti, stanno discutendo uno schema di baratto in base al quale gli americani continuerebbero a volare sulla Soyuz verso la stazione in cambio di voli russi su navicelle americane. Il volo dell'astronauta della NASA Kathleen Rubins a bordo della navicella Soyuz MS-17, arrivata sulla ISS in ottobre, sarebbe dovuto essere l'ultimo sulla Soyuz.

Secondo il sito web specializzato Space flight now, citando Luders, la NASA avrebbe presentato un accordo di lavoro su uno schema di baratto e sarebbe in attesa dell'approvazione da parte del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Dopodiché, ha detto, è previsto un processo simile per il Governo russo.

"Speravamo di poter fare qualcosa entro la primavera [del 2021], ma penso che sarà probabilmente la fine dell'estate, più o meno nel periodo del terzo volo regolare di Crew Dragon. Questo è ciò per cui ci stiamo battendo adesso", ha detto Luders.

​Lunedì, la Crew Dragon con un equipaggio di quattro astronauti è approdata sulla ISS per il suo primo volo regolare. Il secondo volo di routine è previsto per la prossima primavera.

Secondo la NASA, dal 2006 gli Stati Uniti hanno acquistato 72 posti nella navicella Soyuz dalla Russia per oltre 4 miliardi di dollari per trasportare astronauti americani, europei, canadesi e giapponesi sulla stazione e di nuovo sulla Terra. Durante questo periodo, il costo del volo per loro è aumentato da 20 a 90 milioni di dollari.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook