03:28 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (156)
680
Seguici su

Sono in corso lavori per attuare l'iniziativa del presidente russo Vladimir Putin di fornire il vaccino russo contro il COVID-19 allo staff delle Nazioni Unite, ma è ancora nelle fasi iniziali, ha detto l'ambasciatore russo alle Nazioni Unite Vassily Nebenzia, osservando anche che i suoi colleghi dell'organizzazione sono ansiosi di vaccinarsi.

Secondo il diplomatico russo, molti passi devono ancora essere fatti per consentire la vaccinazione delle Nazioni Unite, poiché non è "una questione della volontà di qualcuno".

"Il vaccino non è ancora ampiamente utilizzato in Russia. Per quanto mi risulta, sono in corso studi clinici. Quindi, alcuni gruppi professionali, come medici e insegnanti, saranno i primi a ricevere il vaccino, e solo dopo partirà la vaccinazione volontaria su larga scala", ha spiegato Nebenzia, sottolineando che anche la vaccinazione del personale delle Nazioni Unite non sarà obbligatoria, in quanto" non inseguiremo nessuno con una siringa".

Molte questioni procedurali, mediche, logistiche e politiche devono essere risolte presso il Segretariato delle Nazioni Unite, ha continuato Nebenzia.

"Anche se sigleremo un accordo con le Nazioni Unite, il vaccino verrà inviato nel territorio del paese che ospita la sede delle Nazioni Unite (gli Stati Uniti). Ovviamente l'ONU ha uno status extraterritoriale. Ma questo è anche un argomento che abbiamo non ancora nemmeno accennato, dato che siamo in una fase precedente ", aggiunse Nebenzia.

Inoltre, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dovrà condurre la cosiddetta prequalificazione per consentire l'immunizzazione del personale delle Nazioni Unite, ha osservato il diplomatico russo.

"Per come la vedo io, questa è la fase in cui ci troviamo. Voglio dire, Mosca e Ginevra, l'OMS, attualmente si concentrano sulla prequalificazione. Quando ciò sarà fatto, dovremo affrontare questioni come le consegne, la conservazione e anche la vaccinazione", ha detto Nebenzia, lodando i progressi della Russia nell'introduzione dei vaccini COVID-19.

È difficile fare previsioni su quando le Nazioni Unite riceveranno il vaccino russo, ma lo sforzo è stato fatto, ha concluso l'inviato russo.

L'offerta di Putin

Nel suo discorso all'Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre, Putin si è offerto di fornire gratuitamente i vaccini Sputnik V a tutto il personale delle Nazioni Unite nel mondo. Nebenzia ha ricordato la reazione positiva del Segretariato Onu alla proposta, osservando che i colleghi dell'organizzazione continuano a chiedergli: "Dov'è il vaccino, quando ci farai vaccinare?"

Ad agosto, la Russia è diventata il primo paese al mondo a registrare un vaccino contro COVID-19, denominato Sputnik V e sviluppato dall'istituto di ricerca Gamaleya.

Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (156)

Correlati:

Amministrazione USA sta ancora riflettendo su proposta russa di estensione trattato START - Nebenzia
Onu ringrazia Putin per l'offerta del vaccino, servizi medici esamineranno la proposta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook