18:52 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Uno studio francese iniziato nel 2009 e che durerà fino al 2029 mostra una statistica triste per gli amanti delle bevande gassate dolci. I risultati indicano che il consumo di bevande zuccherate e con dolcificanti artificiali aumenta notevolmente le possibilità di soffrire di malattie cardiovascolari.

Se ti senti sicuro optando per le versioni dietetiche delle tue bevande preferite, ci sono cattive notizie: tutto indica che gli effetti sulla salute sono ugualmente dannosi come le bevande gassate con il comune zucchero.

I ricercatori francesi sono giunti a questa conclusione dopo aver monitorato per più di dieci anni il consumo che più di 100.000 persone hanno fatto di bevande analcoliche, bevande alla frutta, succhi di frutta al 100% e altre bevande simili.

Per elaborare lo studio, gli scienziati hanno diviso i partecipanti in tre gruppi: quelli che non consumano bevande zuccherate o bevande zuccherate artificialmente, quelli che le consumano con moderazione e quelli che le bevono regolarmente.

Per bevande zuccherate si intendono quelle come quelle menzionate che contengono almeno il 5% di zucchero, mentre le bevande zuccherate artificialmente includono quelle che sopperiscono alla mancanza di zucchero con aspartame, sucralosio o dolcificanti naturali come la stevia.

I soggetti dovevano compilare tre diari in cui spiegavano le loro abitudini di consumo ogni sei mesi. Questo ha dato un'idea esatta della quantità di bevande dolci consumate da ciascuno.

Dopo un decennio si è scoperto che i consumatori abituali di bevande zuccherate o zuccherate artificialmente avevano il 20% di probabilità in più di soffrire di problemi cardiaci rispetto a coloro che evitavano entrambi i tipi di bevande e davano priorità a opzioni più salutari, come caffè o tè.

In altre parole chi consuma le bevande cosiddette light per la sostituzione dello zucchero con dolcificanti hanno le stesse probabilità di compromettere la propria salute rispetto a chi consuma le bevande gassate tradizionali.

Tags:
Salute, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook