17:03 24 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
320
Seguici su

Almeno 74 migranti tra gli almeno 120 che cercavano di entrare in Europa sono morti giovedì quando la loro nave è affondata al largo delle coste libiche, ha annunciato in un comunicato l'Organizzazione Internazionale per le migrazioni (OIM).

"Il personale dell'OIM ha riferito che un devastante naufragio ha causato la morte di almeno 74 migranti al largo di Khums, in Libia, l'ultima di una serie di tragedie inerenti almeno altri otto naufragi nel Mediterraneo centrale dal primo ottobre", afferma il comunicato.

Secondo quanto riferito dall'OIM, la nave trasportava oltre 120 persone, compresi donne e bambini. Circa 47 sopravvissuti sono stati salvati dalla guardia costiera e dai pescatori, mentre 31 sono i corpi recuperati.

"Finora quest'anno almeno 900 persone sono annegate nel Mediterraneo cercando di raggiungere le coste europee, alcune a causa di ritardi nei soccorsi. Altre 11 mila sono state rimpatriate in Libia, mettendole a rischio di violazioni dei diritti umani, detenzione, abusi, tratta e sfruttamento, come documentato dalle Nazioni Unite", si legge sempre nel comunicato.

L'OIM ha registrato una recente ondata di rifugiati in fuga dalla Libia con 1.900 intercettati e rimpatriati e oltre 780 in arrivo in Italia dall'inizio di ottobre, osserva la dichiarazione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook