21:22 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (125)
0 41
Seguici su

Yerevan ha accettato di avviare negoziati con Baku dopo che le forze azerbaigiane sono riuscite a prendere il controllo di un certo numero di territori nella regione del Nagorno-Karabakh, avvicinandosi alla capitale dell'autoproclamata repubblica.

Il premier armeno Nikol Pashinyan, il presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ed il capo di Stato russo Vladimir Putin hanno firmato una dichiarazione congiunta per porre fine a più di un mese di sanguinosi scontri militari nella regione del Nagorno-Karabak. L'accordo è entrato in vigore alle 21 dell'orario di Greenwich (22 in Italia) del 9 novembre.

Oltre al cessate il fuoco, la dichiarazione contiene una serie di disposizioni che determineranno le ulteriori attività delle tre nazioni nella regione ed è diretta a mantenere la pace ottenuta con difficoltà. Ecco i punti principali del documento:

  • Il cessate il fuoco sarà osservato da un contingente di 1.960 persone delle forze di pace russe e da un centro dedicato per il controllo del cessate il fuoco. Le forze di pace russe saranno schierate lungo la linea di contatto nella regione del Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio di Lachin.
  • La dichiarazione non suggerisce la partecipazione di forze di pace di nessun altro Paese.
  • Il dispiegamento delle forze di pace russe avverrà parallelamente al ritiro delle forze armene dalla regione contesa.
  • Le forze di pace russe devono rimanere nelle loro posizioni in Nagorno-Karabakh per cinque anni con proroghe automatiche di cinque anni se nessuna delle parti possa decidere diversamente.

Concessioni territoriali

  • Entrambe le parti rimangono nelle posizioni che occupano attualmente, ma l'Armenia deve consegnare i territori di Agdam e il distretto di Calbajar nel Karabakh orientale e il distretto di Lachin nell'ovest della regione entro determinate scadenze. L'ultimo distretto deve essere consegnato entro il 1° dicembre 2020.
  • Per evitare che la capitale dell'autoproclamata Repubblica del Nagorno-Karabakh venga tagliata fuori dall'Armenia a seguito delle concessioni territoriali, le forze di pace russe avranno il controllo del corridoio Lachin che collega i due territori.
  • Le forze di pace russe non saranno incaricate della città di Shushi controllata dall'Azerbaigian, situata nel corridoio verso Stepanakert, e le parti devono concordare la costruzione di una strada alternativa che colleghi l'Armenia e la capitale dell'autoproclamata Repubblica nei prossimi tre anni.

Infrastrutture di trasporto e questioni umanitarie

  • L'Armenia si impegna a organizzare un corridoio di trasporto sicuro per i civili e il trasporto civile tra l'Azerbaigian e la sua exclave, la Repubblica Autonoma di Nakhichevan. Il corridoio di trasporto sarà monitorato dalle forze di frontiera russe ivi dispiegate.
  • A sua volta, Baku si impegna a garantire la sicurezza di un corridoio per i civili e il trasporto civile nel corridoio Lachin.
  • L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati supervisionerà il ritorno degli sfollati interni e dei rifugiati alle loro case nella regione del Nagorno-Karabakh.
  • Armenia e Azerbaigian condurranno uno scambio di prigionieri di guerra, ostaggi e corpi dei caduti.
Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (125)

Correlati:

Ostilità sulla linea del fronte del Nagorno-Karabakh sono cessate - Ministero della Difesa armeno
Nagorno-Karabakh, dispiegamento delle forze di pace russe nella zona del conflitto
Dispiegate le forze di pace russe in Nagorno-Karabakh - Video
Tags:
Nagorno-Karabakh
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook