04:10 29 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
3142
Seguici su

I leader di Russia, Armenia e Azerbaigian hanno firmato una dichiarazione di cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh, ha detto Vladimir Putin durante un discorso speciale. Il testo dell'accordo è pubblicato da ‘Sputnik Armenia’.

I leader di Russia, Armenia e Azerbaigian hanno firmato una dichiarazione di cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh, ha detto Vladimir Putin durante un discorso speciale. Il testo dell'accordo è pubblicato da ‘Sputnik Armenia’.

I punti chiave dell’accordo:

  • Un cessate il fuoco completo viene annunciato dalla mezzanotte, ora di Mosca, del 10 novembre. I militari azeri e armeni si fermano alle loro posizioni.
  • Le parti si sono impegnate a scambiare prigionieri di guerra.
  • Yerevan deve restituire la regione di Kelbajar a Baku entro il 15 novembre e la regione di Lachin entro il 1° dicembre 2020, lasciandosi il corridoio Lachin largo cinque chilometri, che garantirà il collegamento del Nagorno-Karabakh con l'Armenia. Allo stesso tempo, questo punto non si applica alla città di Shusha, la cui conquista è stata precedentemente annunciata da Baku. Inoltre, entro il 20 novembre, l'Armenia deve trasferire l'Aghdam e parte della regione gazaka dell'Azerbaigian da essa detenuta.
  • Lungo la linea di contatto nel Nagorno-Karabakh e lungo il corridoio Lachin, è dispiegato un contingente russo di peacekeeping di 1.960 militari con armi leggere, 90 veicoli corazzati e 380 veicoli e attrezzature speciali.
  • Le forze di pace sono state schierate parallelamente al ritiro dell'esercito armeno. Il loro periodo di soggiorno sarà limitato a cinque anni con rinnovo automatico per ulteriori periodi di cinque anni, se nessuna delle parti dell'accordo decide di recedere dallo stesso.
  • Un centro di mantenimento della pace sarà schierato per monitorare l'attuazione degli accordi.
  • Nei prossimi tre anni, dovrebbe essere definito un piano per la costruzione di una nuova rotta di traffico lungo il corridoio Lachin, che fornisca la comunicazione tra Stepanakert e l'Armenia, con la successiva ridistribuzione del contingente di mantenimento della pace russo a guardia di questa rotta. Allo stesso tempo, l'Azerbaigian garantisce la sicurezza dei collegamenti di trasporto lungo il corridoio di Lachin.
  • Gli sfollati interni ei rifugiati dovrebbero tornare in Nagorno-Karabakh e nelle aree circostanti sotto la supervisione dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati.
  • Tutti i collegamenti economici e di trasporto nella regione dovrebbero essere sbloccati, mentre l'Armenia si è impegnata a fornire collegamenti di trasporto tra le regioni occidentali dell'Azerbaigian e l'autonomia del Nakhichevan. Il passaggio sarà controllato dalle guardie di frontiera russe. Inoltre, si prevede di garantire la costruzione di nuove comunicazioni di trasporto che collegheranno il territorio principale dell'Azerbaigian con l'autonomia del Nakhichevan.

Il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan in precedenza aveva definito l'accordo sul Karabakh estremamente difficile da raggiungere, ma ha poi osservato che non c'è altra via d'uscita. Il Presidente azerbaigiano Ilham Aliyev ha affermato che questi accordi mettono fine alla risoluzione del conflitto del Karabakh, che va avanti dal 1988.

La situazione nella regione era peggiorata lo scorso 27 settembre. Armenia e Azerbaigian si sono accusate a vicenda di scatenare ostilità. Prima di questo odierno, altri tre tentativi di armistizio erano stati effettuati, ma senza successo.

La situazione è complicata dal fatto che Baku è attivamente sostenuta da Ankara (la Turchia è un membro della NATO) mentre l'Armenia è un membro della CSTO (Collective Security Treaty Organization, che raggruppa gran parte delle nazioni nate dalla dissoluzione dell’URSS).

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (122)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook