14:39 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
457
Seguici su

Il Ministero degli Esteri russo in una nota accoglie positivamente il fatto che l'Azerbaigian abbia ammesso la propria colpa nell'abbattimento dell'elicottero militare russo in Armenia.

La Russia giudica positivamente il comportamento tenuto dall'Azerbaigian e l'ammissione di responsabilità nell'abbattimento dell'elicottero Mi-24 avvenuto in serata nello spazio aereo armeno.

Mosca valuta positivamente il fatto che Baku si sia immediatamente dichiarato colpevole dell'abbattimento dell'elicottero russo Mi-24 in Armenia, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

Zakharova ha anche riferito che l'Azerbaigian ha trasmesso alla parte russa garanzie sul fatto che venga svolta "un'indagine operativa" sull'incidente e che i responsabili vengano puniti.

L'abbattimento del Mi-24 russo

Il 9 novembre dopo le 17 ora locale un elicottero russo Mi-24 è stato sottoposto a fuoco da terra da MANPADS nello spazio aereo vicino al comune armeno di Yeraskh, situato non lontano dal confine tra Armenia e Azerbaigian.

L'elicottero scortava un convoglio di mezzi della 102° base militare russa, situata in Armenia: dopo essere stato colpito da un missile, l'elicottero ha è precipitato in una zona montuosa. Due membri dell'equipaggio sono morti.

L'ammissione dell'Azerbaigian

L'abbattimento è stato frutto di "un errore", hanno spiegato poco dopo la diffusione della notizia, fonti del Ministero degli Esteri azero: l'elicottero russo era in volo vicino al confine tra Armenia ed Azerbaigian, in condizioni di cielo notturno, ad altezza bassa ed al di fuori della zona di operatività dei sistemi di rilevamento contraereo.

Il Ministero degli Esteri dell'Azerbaigian ha formalizzato le scuse ufficiali alla parte russa e le condoglianze ai parenti delle vittime.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook