18:41 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
Di
633
Seguici su

Il ceppo modificato del coronavirus indebolirebbe la risposta immunitaria dell’uomo.

Dopo l'annuncio dell'abbattimento di milioni di visoni negli allevamenti danesi infettati dal Covid-19, dal Paese arriva un nuovo allarme: il coronavirus trasmesso dai piccoli animali all’uomo è mutato e i vaccini allo studio potrebbero non essere più efficaci.

La nuova variante del virus, che preoccupa anche l’Organizzazione mondiale della sanità, indebolisce la capacità umana di formare anticorpi e quindi il corpo non riesce a contrastare l’infezione.

Se la variante si dovesse diffondere nella popolazione mondiale, il lavoro fatto fino ad oggi per la ricerca di una cura potrebbe diventare completamente inutile, è l’allarme che lancia la Danimarca.

Lo scenario danese

La premier danese Mette Frederiksen ha lanciato l’allarme, nonostante i numeri dei contagi da visone all’uomo siano ancora contenuti, 12 persone in tutto.

“Il virus è mutato nei visoni e si è diffuso tra alcuni esseri umani. Può avere conseguenze devastanti in tutto il mondo”.

La principale differenza tra i 12 contagiati dai visoni e i pazienti affetti da Covid-19 che hanno contratto il virus nel passaggio uomo-uomo, non è tanto nei sintomi ma nella risposta alle cure: non è stata rilevata una formazione di anticorpi sufficiente.

"Abbiamo una grande responsabilità nei confronti della nostra stessa popolazione, ma con questa mutazione abbiamo una responsabilità ancora maggiore anche verso il resto del mondo", ha aggiunto la premier visibilmente preoccupata dalla situazione.

Una nuova pandemia

“Nel peggiore dei casi, rischiamo che la pandemia ricominci da capo con sede in Danimarca”, ha sottolineato il ministero della Salute danese per cui il 5% dei casi di contagio nella zona settentrionale del Paese, dove si trovano cinque allevamenti di visoni, sono affetti da questo secondo ceppo di coronavirus che trova un habitat favorevole nelle aree dove crescono e si riproducono i visoni.

L’Oms tiene sotto controllo la situazione

La mutazione genetica del virus registrata in Danimarca preoccupa anche l'Oms.

“Siamo a conoscenza di segnalazioni dalla Danimarca di un certo numero di persone infettate da coronavirus dai visoni, con alcune modifiche genetiche nel virus. Siamo in contatto con le autorità danesi per saperne di più”, ha dichiarato l’organizzazione in un messaggio su Twitter.

Non solo visoni

I casi di contagio da animale a uomo preoccupano da tempo e in Cina era stato ipotizzato che fossero proprio i mercati di carne di selvaggina ad essere l’origine dei contagi.

Quindi non soltanto visoni e furetti, ma maiali, scimmie e conigli. Quindi a rischio anche gli zoo e gli allevamenti di animali da pelliccia, che sono presenti anche in Italia.

Tags:
Danimarca, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook