17:32 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
244
Seguici su

Il Centro per la riconciliazione delle parti siriane in conflitto è venuto a conoscenza di piani dei ribelli per accusare le forze governative siriane e le forze aerospaziali russe di attaccare i centri abitati nella zona di de-escalation di Idlib.

A comunicarlo in un briefing è stato il vice direttore del Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto in Siria, il contrammiraglio Alexander Grinkevich.

"Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in conflitto ha ricevuto nuove informazioni sui piani dei gruppi terroristici per accusare le forze governative siriane e le forze aerospaziali russe di colpire con l'artiglieria e raid aerei aree popolate sotto il controllo di gruppi armati illegali nella zona di de-escalation di Idlib", ha detto.

Grinkevich ha riferito che i guerriglieri vogliono colpire con un raid compiuto da un drone obiettivi civili nei pressi di un centro della provincia di Idlib per poi pubblicare un video in cui accusare Damasco e la Russia.

"I militanti intendono pubblicare una registrazione video delle conseguenze di un raid organizzato mediante le loro risorse di propaganda su internet con accuse contro le forze governative siriane e le forze aerospaziali russe", ha sottolineato Grinkevich.

Tensioni ad Idlib

La situazione ad Idlib in Siria, l'unica provincia che Damasco non controlla ancora in cui spadroneggiano vari gruppi d'opposizione armata di matrice fondamentalista, è peggiorata alla fine dello scorso febbraio, quando i terroristi del gruppo Hay'at Tahrir al-Sham* hanno avviato un'offensiva su larga scala contro le posizioni delle forze governative siriane. L'esercito siriano ha reagito col fuoco agli attacchi dei jihadisti. Secondo il ministero della Difesa russo, mentre l'esercito siriano si difendeva sono finiti sotto il fuoco soldati turchi che non avrebbero dovuto trovarsi nella zona.

Il 5 marzo il presidente russo Putin e il presidente turco Erdogan hanno avuto colloqui a Mosca ed hanno adottato una dichiarazione congiunta, in cui è stata ribadita la fedeltà agli accordi di Astana ed è stato annunciato il cessate il fuoco. Mosca e Ankara hanno concordato di effettuare pattugliamenti congiunti sull'autostrada M4 che attraversa Idlib.

*gruppo fondamentalista illegale in Russia

Tags:
centro russo per la riconciliazione siriana, Russia, Esercito della Siria, crisi in Siria, Siria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook