22:26 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
3100
Seguici su

I caccia MiG-29, sviluppati in Unione Sovietica negli anni '80, sono ancora utilizzati in 29 paesi in tutto il mondo. Almeno 200 MiG-29 modernizzati sono attualmente in servizio con l'aviazione russa.

La rivista americana National Interest ha citato l'ex pilota della US Air Force (USAF) Guy Razer nel suo elogio delle caratteristiche prestazionali del caccia MiG-29 di fabbricazione sovietica.

Il notiziario ha ricordato che nonostante il MiG-29 abbia effettuato il suo primo volo nel 1977, l'aereo resta "uno dei più numerosi aerei da guerra al mondo".

Nel 2001, l'allora tenente colonnello USAF Razer ha addestrato i piloti polacchi, due anni dopo che la Polonia si è unita alla NATO e "ha portato nell'alleanza una grande forza di aerei da guerra di fabbricazione sovietica", compresi i MiG-29.

Ha detto che durante uno dei voli di addestramento, era sul sedile posteriore del MiG-29 e ha scoperto che rispetto all'F-15E a cui era abituato, l'aereo da guerra di fabbricazione sovietica era "altamente manovrabile quando necessario ma sembrava usare molto carburante per farlo".

Inoltre, Razer ha avuto l'opportunità di pilotare lui stesso brevemente un MiG-29, spingendolo ad ammettere ancora una volta l'elevata manovrabilità del jet da combattimento nonostante l'aereo "mancasse di consapevolezza della situazione generale e dell'autonomia dei nostri jet NATO".

Il MiG-29 è un caccia multiruolo di quarta generazione, con la sua prima modifica seriale entrata in servizio con l'esercito sovietico nel 1983.

L'aviazione russa ha attualmente circa 200 MiG-29 modernizzati con motori migliorati, radar moderni e sensori di ricerca e traccia a infrarossi, oltre a un'autonomia notevolmente aumentata.

Correlati:

Aerei militari norvegesi ancora una volta intercettati da MiG-29 russo sul Mare di Barents
MiG-29 russi decollati sul Mare di Barents per intercettare aerei militari norvegesi
Aereo norvegese intercettato da MiG-29 russo nel Mare di Barents
Tags:
MiG-29
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook