21:05 03 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
612
Seguici su

La NASA sta al momento monitorando il percorso di un asteroide gigante, delle dimensioni che superano quelle della cattedrale di St. Paul a Londra.

L’asteroide 2020 TY1, che è sulla rotta per superare il nostro pianeta entro sabato 7 novembre, sta viaggiando alla velocità di 13,02 chilometri al secondo, riporta la notizia il Daily Star.

Si tratta di un asteroide classificato come Apollo, una cometa o un asteroide che attraversa l’orbita della Terra mentre viaggia nello spazio. Il Center for Near Earth Object Studies della NASA sta monitorando la roccia spaziale poiché si prevede che passi entro 1,3 unità astronomiche dalla Terra.

Secondo quanto stimato, l'asteroide potrebbe passare ad una distanza di 0,037 unità astronomiche, relativamente vicino in termini di spazio. Tuttavia la NASA rassicura sul fatto che la probabilità che la roccia entri in collisione con la Terra è praticamente nulla.

Un asteroide delle fattezze della Cattedrale di St. Paul

L’asteroide 2020 TGI avrà una larghezza compresa tra 79 e 180 m, ed è pertanto più grande della Cattedrale di St. Paul di Londra, che misura un totale di 174 m. Si tratta di uno dei 2mila asteroidi, comete e altri oggetti che al momento il team di astronomi della NASA sta monitorando.

Come ripetuto più volte dagli esperti, la maggior parte di questi asteroidi non entra in contatto con la nostra atmosfera, anche se in alcuni casi molto rari questo loro passaggio può provocare problemi ai sistemi meteorologici.

La NASA utilizza il termine NEO (Near-Earth Object o oggetto vicino alla terra, ndr) per descrivere "comete e asteroidi che sono stati spinti dall’attrazione gravitazionale dei pianeti vicini in orbite che consentono loro di avvicinarsi alla Terra".

In precedenza un astronomo dell'Osservatorio Astrofisico di Crimea ha parlato delle conseguenze che avrebbe la collisione dell'asteroide 2018 VP1 con il nostro pianeta il prossimo 2 novembre, scenario che ha lo 0,4% di possibilità di concretizzarsi secondo gli astrofisici.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook