03:30 04 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
308
Seguici su

Saranno somministrate in modalità compassionevole alle categorie particolarmente esposte al rischio: operatori sanitari, forze dell'ordine e soggetti fragili.

Manca poco per il vaccino contro il coronavirus. Lo conferma il professor Anthony Fauci, membro della task force contro il covid della Casa Bianca, secondo cui negli USA le prime dosi di vaccino saranno disponibili già "alla fine di dicembre o all'inizio di gennaio".

Intervenendo in un dibattito trasmesso sui social con con Francis Collins, direttore del National Institutes of Health, Fauci, virologo e massimo esperto negli USA di malattie infettive, assicura che il vaccino sarà sicuro ed efficace e nella fase iniziale verrà somministrato a quei soggetti ad alto rischio, a condizione che non emergano forti criticità nei test clinici in corso. 

Queste previsioni sono basate sull'andamento dei trial dei vaccini Moderna Inc e Pfizer Inc, gli studi che Fauci ritiene più avanzati. La prova del nove sarà a dicembre quando "sapremo se abbiamo o meno un vaccino sicuro ed efficace", spiega Fauci, avvertendo che i primi risultati intermedi dei test arriveranno entro le prossime settimane. 

Lo scienziato statunitense, però, avverte che il vaccino non è la panacea di ogni male, perché la pandemia non sparirà immediatamente, ma ci vorrà tempo prima che venga sviluppata l'immunità di gregge a livello globale. Fauci prevede che non si tornerà alla normalità prima della fine del 2021. 

Intanto gli USA, dove l'epidemia da nuovo coronavirus non si è mai fermata, neanche durante l'estate, è stato toccato un nuovo record di contagi. Nell'ultimo bollettino della John Hopkins University sono 91.920 i nuovi positivi, per la prima volta è stata superata la soglia di 90 mila. Gli USA sono il primo paese al mondo per numero di contagi e decessi. 

Tags:
Coronavirus, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook