03:59 28 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
151
Seguici su

Gli esperti hanno indicato la superficie più pericolosa per i passeggeri in termini di diffusione del coronavirus a bordo degli aerei.

In precedenza, uno studio del Soonchunhyang University College of Medicine, in Corea del Sud, aveva esaminato la potenziale trasmissione del coronavirus tra i passeggeri dei voli aerei partendo dall’analisi di un volo Milano-Seul avvenuto il 31 marzo. Visto l’alto numero di contagi avvenuto su quel volo, visto che non risultavano positivi alla partenza, e visto che le autorità avevano assicurato che non si potessero essere infettati dopo l’atterraggio, gli studiosi avevano dedotto che dovessero essersi per forza contagiati in aereo nonostante le precauzioni e il distanziamento. L’indagine aveva portato a concludere che si potessero essere infettati solamente durante l’uso della toilette, l’unico spazio d’uso comune.

Ma c’è un altro modo per il virus di veicolarsi con una certa velocità sugli aerei secondo lo specialista Martin Lindstorm intervistato dal Daily Express.

"Quando sei a bordo, non toccare la parte superiore dei sedili quando ti sposti”, ha detto Lindstorm, spiegando che la maggior parte dei viaggiatori lo usa come supporto per camminare sul corridoio per andare alla toilet, o sgranchirsi le gambe.

Lindstorm ha anche ricordato ai viaggiatori di disinfettarsi accuratamente e regolarmente le mani con agenti antisettici, nonché tutte le superfici intorno a loro durante il viaggio, inclusi braccioli, cinture di sicurezza, tavoli pieghevoli e touch screen.

Il 17 ottobre, il capo della International Air Transport Association (IATA), Alexandre de Junac, ha affermato che il rischio di contrarre il coronavirus in aereo è estremamente basso. Secondo questi, la probabilità di contrarre un virus in aereo è nello stesso ordine di grandezza della probabilità di essere colpiti da un fulmine.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook