07:49 02 Dicembre 2020
Mondo
URL abbreviato
367
Seguici su

Non è ancora chiaro se il volontario che è deceduto avesse ricevuto la dose di vaccino oppure quella di placebo.

Un volontario del Brasile che stava prendendo parte agli studi sul vaccino del coronavirus di Oxford è morto, ha confermato l'Agenzia di regolamentazione sanitaria del paese sudamericano, la Anvisa.

Secondo quanto riferito dall'agenzia, sono stati informati della morte di un volontario di 28 anni il 19 ottobre. La morte della persona è apparentemente avvenuta a causa di "complicazioni da COVID-19", ha riferito il quotidiano Globa.

Anvisa non ha immediatamente chiarito se il volontario stesse assumendo il vaccino o il placebo e la situazione è ancora in fase di revisione. L'agenzia ha anche detto che la causa della morte dell'uomo non è stata elaborata "per ragioni di etica e di riservatezza".

Secondo una fonte familiare alla situazione, citata da Reuters, se il partecipante deceduto stava assumendo un vaccino Covid "attivo", i test sarebbero stati sospesi.

Il vaccino anti-Covid in questione è stato sviluppato dall'Università di Oxford in collaborazione con il gigante farmaceutico multinazionale britannico-Svedese AstraZeneca. Attualmente è nella terza fase degli studi clinici in Brasile, Regno Unito, India e Sud Africa.

AstraZeneca non ha rilasciato commenti ufficiali sulla vicenda.

Anvisa, tuttavia, ha affermato che le sperimentazioni sui vaccini continueranno in tutto il mondo, come raccomandato dal comitato indipendente per la sicurezza. Anche l'Università di Oxford ha confermato che avrebbe continuato a testare il vaccino per il Covid-19.

"A seguito di un'attenta valutazione di questo caso in Brasile, non ci sono state preoccupazioni sulla sicurezza della sperimentazione clinica e la revisione indipendente in aggiunta al regolatore brasiliano ha raccomandato che la sperimentazione dovrebbe continuare" ha dichiarato un portavoce dell'università.

Il vaccino AstraZeneca

AstraZeneca che sviluppa il vaccino in collaborazione con l’Università di Oxford ha lanciato un terzo ciclo di test negli Stati Uniti ad agosto, iniziando prima i test in altri paesi. Il 27 agosto è entrato in vigore il contratto firmato dalla Commissione Europea con la compagnia AstraZeneca, per l'acquisto anticipato di vaccini anti-Covid per conto paesi membri UE. L'accordo metterà in grado gli Stati membri di acquistare sino a 300 milioni di dosi del vaccino noto come Oxford, sviluppato con la biotech britannica AstraZeneca in collaborazione con l'Università di Oxford.

I negoziati sono stati avviati da Germania, Francia, Italia e Paesi Bassi, gli stati della "Inclusive Vaccine Alliance", che hanno chiesto alla Commissione di subentrare nell'accordo.

AstroZeneca aveva sospeso i test del vaccino che viene sviluppato congiuntamente con l’Università di Oxford lo scorso 6 settembre dopo una reazione anomala in un volontario, per poi riprendere in seguito la sperimentazione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook