18:09 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
6121
Seguici su

Marine Le Pen, leader del partito di di destra francese Rassemblement National, lunedì ha detto che è necessario deportare dalla Francia i separatisti religiosi di origine straniera che fomentano l'odio durante una conferenza stampa sulla decapitazione di un insegnante francese da parte di un adolescente ceceno.

"I predicatori d'odio e i propagandisti del separatismo religioso dovrebbero essere perseguiti e, se sono stranieri, espulsi [dalla Francia] immediatamente", ha detto la Le Pen.

Ha aggiunto che ogni sospetto radicale islamista identificato come una seria minaccia alla sicurezza nazionale dovrebbe essere perseguitato e, se ha doppia nazionalità, privato di quella francese.

La Le Pen ha affermato che è necessario rivedere la politica migratoria del Paese "che alimenta il comunitarismo - il suolo fertile degli islamisti", sostenendo una moratoria sull'immigrazione e la naturalizzazione.

Il politico ha anche chiesto l'istituzione di una commissione d'inchiesta per stabilire perché l'insegnante di storia deceduto è stato "lasciato solo dallo Stato" di fronte alla minaccia islamista, proponendo anche di dedicargli alcune strutture educative.

L'insegnante di storia francese Samuel Paty è stato decapitato nella periferia di Parigi venerdì notte. Il principale sospettato dell'omicidio, un 18enne di origine cecena nato a Mosca identificato come Abdullakh Anzorov, è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco dalle forze di sicurezza. L'attacco è avvenuto dopo che il 47enne Paty aveva mostrato una vignetta raffigurante il profeta islamico Maometto ai suoi studenti della scuola di Conflans-Sainte-Honorine, un sobborgo nord-occidentale di Parigi, offendendo alcuni genitori musulmani.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha denunciato l'attacco, definendolo un atto terroristico. In una riunione del Consiglio di difesa di domenica, il presidente ha ordinato l'attuazione di misure per combattere l'estremismo islamista, tra cui il rafforzamento della sicurezza nelle scuole francesi che entrerà in vigore dopo la pausa autunnale.

Nel frattempo è in corso l'indagine sull'attacco, che vede 11 persone attualmente in custodia cautelare, compresi i membri della famiglia dell'aggressore.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook