10:19 29 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
4112
Seguici su

Un medico libanese di 40 anni che vive in Germania dal 2002, ha chiesto la cittadinanza nel 2012, accettando così di firmare una dichiarazione di fedeltà alla costituzione tedesca e rinunciando all'estremismo.

Il tribunale amministrativo del Baden-Württemberg, ha deciso di negare la cittadinanza tedesca a un musulmano libanese che si rifiutava di stringere la mano alle donne per motivi religiosi.

Il giudice ha sancito che la stretta di mano ha un significato legale, in quanto rappresenta la conclusione di un contratto.

La stretta di mano è quindi “profondamente radicata nella vita sociale, culturale e giuridica, che plasma il modo in cui viviamo insieme”, ha detto il giudice, come riporta il Deutsche Welle.

L’uomo, 40 anni, si è formato come medico in Germania e ora lavora come medico in una clinica. Gli è stata negata la cittadinanza tedesca per il suo comportamento con le donne. La domanda l’aveva presentata nel 2012.

Il libanese ha firmato un documento con cui affermava di rinunciare a qualsiasi tipo di estremismo, e aveva ottenuto il massimo del punteggio previsto dal test per i richiedenti la cittadinanza tedesca, ma al momento della consegna dei documenti compilati si è rifiutato di stringere la mano alla donna responsabile del trattamento dei documenti.

Per questo motivo nel 2015 l’amministrazione distrettuale aveva rifiutato di concedergli la cittadinanza tedesca. Il libanese si è rivolto al tribunale per contestare la decisione dell’amministrazione, ma il tribunale ha ritenuto che l’uomo si sia rifiutato di stringere la mano per motivi specifici di genere, e questo viola l’uguaglianza sancita dalla costituzione tedesca.

Correlati:

Rapporto con l'abbigliamento tradizionale musulmano nel mondo
Dalai Lama preoccupato dal futuro "musulmano e africano" dell'Europa
India, uomo musulmano divorzia perché la moglie rifiuta di bere alcol e di portare la mini gonna
Tags:
musulmano, musulmani, Corano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook