20:53 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
6018
Seguici su

Violenta aggressione nella periferia di Parigi: accoltellato un uomo al grido di "Allah Akbar". La polizia è intervenuta freddando l'autore del gesto.

La Gendarmeria riferisce che nella periferia di Parigi gli agenti hanno sparato ad un uomo che aveva ucciso a sua volta un altro individuo accoltellandolo alla gola. Secondo i media francesi, la vittima era un insegnante che aveva mostrato in classe delle vignette sul Profeta Maometto.

Questo a quanto pare ha motivato l'aggressore, che era noto alla polizia.

L'uomo è stato accoltellato nel dipartimento di Val-d'Oise in Francia, alle indagini di omicidio si è collegato il dipartimento della Procura antiterrorismo, riferisce il canale televisivo BFMTV.

L'incidente è avvenuto intorno alle 17.00 vicino all'istituto scolastico.

Il dipartimento di antiterrorismo dell'Ufficio del procuratore si è unito alle indagini sull'omicidio. Il Ministro degli interni francese Gerald Darmanin, che era in visita in Marocco, sta urgentemente rientrando a Parigi.

Secondo quanto riferito, l'autore era ancora presente sulla scena quando la polizia è arrivata e ha scoperto la vittima.

L'aggressore si è rifiutato di arrendersi e avrebbe minacciato gli agenti di polizia con un coltello. I rapporti dicono che aveva anche un fucile e un giubbotto imbottito di esplosivi.

La polizia ha aperto il fuoco dopo che l'aggressore si è rifiutato di arrendersi ed è fuggito dalla scena. I media francesi dicono che sono stati uditi 10 colpi di pistola.

L'attacco arriva tre settimane dopo che un uomo armato di coltello ha accoltellato due persone a Parigi. Secondo il quotidiano francese Le Parisien, l'aggressore, un pakistano nato nel 2002, era infuriato per la pubblicazione di controverse vignette raffiguranti il Profeta Maometto.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook