01:25 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
101
Seguici su

Dopo quanto avvenuto nello scorso mese di luglio, molti utenti hanno pensato ad un nuovo caso di hacking. Il social network ha tuttavia assicurato che, almeno questa volta, si è trattato di un semplice errore di sistema.

Nella notte tra giovedì 15 e venerdì 16 ottobre la celebre piattaforma social Twitter è rimasta offline per oltre un'ora e mezza a livello mondiale, causando notevoli disagi per gli utenti.

"Siamo consapevoli che ci sono problemi a twittare e usare Twitter. Stiamo lavorando per risolvere il problema il prima possibile", ha scritto una portavoce di Twitter a Bloomberg.

Nelle ore immediatamente successive, la compagnia proprietaria ha voluto rassicurare gli utenti, spiegando che secondo le informazioni preliminari non si sarebbe trattato di un attacco hacker:

"Non ci sono segnali che i problemi siano legati a un attacco hacker o a violazioni alla sicurezza. Stiamo indagando", ha affermato Twitter ad Axios. 

In seguito al ripristino delle funzionalità del social network per tutti gli utenti è stato riferito che l'indisponibilità del social network è stata causata da un errore di sistema:

"La maggior parte degli utenti dovrebbe nuovamente avere accesso a Twitter. L'errore è stato causato da una modifica del sistema avviata prima rispetto a quanto pianificato e che ha interessato la maggioranza dei nostri server", hanno spiegato dal servizio di assistenza di Twitter.

L'hacking di Twitter

Nel mese di luglio Twitter era già stato bersaglio del più grande attacco hacker contro un social network. Un team di black hat, gli hacker malevoli che violano i sistemi per commettere, il più delle volte, crimini informatici, sono riusciti a penetrare il sistema interno di Twitter e violare diversi account. 

Tra questi i profili spuntati di blu, cioè accreditati, di una serie di personaggi famosi del calibro di Elon Musk, Bill Gates e Barak Obama. Sulle loro pagine sono spuntati dei twitt in cui si invitavano i numeri followers a versare una somma in bitcoin, cliccando su un link specificato. Con l'attacco i pirati informatici hanno ottenuto l'equivalente di $180.000. 

Secondo quanto rivelato dal NYT, dietro l'attacco ci sarebbe una gruppo di tre o al massimo quattro giovani con non più di vent'anni, residenti tra Usa e Inghilterra.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook