10:24 29 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Di
105
Seguici su

Il presidente del Consiglio italiano lo ha detto nei giorni scorsi riferendo in Parlamento, e lo ha ribadito oggi al suo arrivo a Bruxelles, illustrando i temi in discussione oggi e domani al vertice dei 27 paesi membri.

“La sessione di oggi è dedicata al tema Brexit e ai cambiamenti climatici. Domani mattina discuteremo di Covid-19 e partenariato con l’Africa”, ha precisato Conte.

Con i negoziati in stallo e l’uscita ormai prossima del Regno Unito dall’Ue, il 31 dicembre, il presidente del Consiglio italiano ha sottolineato la necessità di stringere i tempi per arrivare a un’intesa con Londra.

“Come Ue dobbiamo lavorare tutti per raggiungere un accordo. Lavoreremo per avere un accordo che sia equo ed equilibrato. Ma non un accordo a tutti i costi”, ha ammonito il premier.

I leader europei avranno quindi un confronto interlocutorio sui cambiamenti climatici, sull’obiettivo dell’Ue di ridurre fino al 55% le emissioni di Co2 entro il 2030, e sulle difficoltà che alcuni Stati stanno incontrando per dare attuazione a tale impegno. 

“Sui cambiamenti climatici non prenderemo decisioni a questo vertice, gli impegni politici e le conclusioni sono rinviate al Consiglio europeo di dicembre. Stiamo lavorando per la transizione energetica. Abbiamo obiettivi ambiziosi a livello europeo, dobbiamo ridurre fino al 55% le emissioni di CO2 entro il 2030, prendendo come parametro le emissioni del 1990. Alcuni paesi membri sono in difficoltà, hanno apparati produttivi e industriali mal predisposti a questa conversione. L'arco temporale così definito è un impegno molto sfidante, ma dobbiamo lavorare tutti insieme per condurre tutti e procedere tutti insieme verso questi obiettivi, nell'interesse comune", è stato l’appello di Conte.

Domani mattina i capi di Stato e di governo dell’Ue si confronteranno quindi sulla pandemia di Covid-19, dopo che molti di loro hanno annunciato nei giorni scorsi misure sempre più restrittive per contenere il crescente numero di infezioni da coronavirus.

“Ci scambieremo delle informazioni, cercheremo di rafforzare la strategia di contrasto sul piano delle risposte sanitarie, ci scambieremo aggiornamenti sulla ricerca scientifica e sui vaccini. E’ un’occasione per coordinare meglio tutte le nostre risposte, fermo restando il rispetto dei processi decisionali nazionali”, ha detto il presidente del Consiglio.

Ultimo tema in agenda i rapporti tra Ue e Unione africana (Ua), in vista del prossimo vertice con i leader africani, dopo che la pandemia di Covid-19 ha costretto a rinviare il summit in programma proprio per la fine di questo mese.

“Dobbiamo assolutamente rendere costante e molto serrata la collaborazione con l’Unione Africana e con le organizzazioni regionali. Dobbiamo intensificare il rapporto con il continente africano, strategico per il futuro. Noi come Italia lavoreremo perché ci sia un partenariato tra uguali, superando modelli di cooperazione del passato basati su posizioni asimmetriche”, ha concluso Conte.
EUCO del 15 ottobre

I leader dei 27 stati membri dell'Unione Europea insieme alla presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen, all'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza Josep Borrell, al presidente del Parlamento europeo David Sassoli e al negoziatore capo dell'UE per la Brexit Michel Barnier si sono riuniti oggi a Bruxelles per discutere diverse questioni attuali. I politici europei prevedono di fare il punto sull'attuazione dell'accordo di recesso ed esaminare lo stato del negoziato tra UE e la Gran Bretagna, prendere in esame l'attuale situazione epidemiologica e discutere su una risposta comune e sullo sviluppo del vaccino. Altri temi del vertice saranno l'obiettivo dell'UE di conseguire la neutralità climatica entro il 2050 e le relazioni con Africa.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook