05:26 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 46
Seguici su

Il capo di stato kirghiso era finito nell'occhio del ciclone in seguito alla pubblicazione del risultato delle elezioni parlamentari del 4 ottobre scorso.

Il presidente kirghiso Sooronbay Jeenbekov ha rassegnato le proprie dimissioni dalla più alta carica dello stato della Repubblica dell'Asia Centrale. A riferirlo è l'ufficio stampa della presidenza:

"Non sono attaccato al potere. Non voglio restare nella storia del Kirghizistan per essere stato il presidente che ha sparso il sangue e ha sparato contro i propri cittadini. Pertanto, ho deciso di fare un passo indietro", si legge nella nota ufficiale.

Nella giornata di ieri il Parlamento kirghiso aveva approvato all'unanimità la squadra di governo e il programma del nuovo primo ministro Sadyr Japarov.

Le proteste in Kirghizistan

Le proteste di opposizione nella repubblica dell'Asia centrale sono scoppiate il 5 ottobre in risposta a quelle che molti consideravano un'elezione generale ingiusta, tenutasi il 4 ottobre. I disordini sono stati segnati da folle di manifestanti che hanno invaso le istituzioni governative e i centri di potere.

I manifestanti hanno sequestrato la Casa Bianca e il municipio di Bishkek, entrando anche nell'edificio del Comitato di Stato per la sicurezza nazionale e provocando il rilascio dell'ex presidente del Kirghizistan, Almazbek Atambaev, e di altri ex funzionari.

A seguito degli scontri, la Commissione centrale del Kirghizistan ha annullato i risultati delle elezioni, mentre diversi alti funzionari kirghisi, tra cui il primo ministro del paese, Kubatbek Baronov, si sono dimessi dalle loro cariche.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook