01:28 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Tensione nel Nagorno-Karabakh (82)
0 40
Seguici su

Sia l'Armenia che l'Azerbaigian si sono accusate a vicenda di aver condotto attacchi dopo che le parti hanno concordato un cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh, a partire dal 10 ottobre.

Oggi, mercoledì 14 ottobre, Yerevan ha dichiarato che l'esercito azero ha attaccato veicoli militari armeni situati sul territorio armeno. Il ministero della Difesa armeno ha sottolineato che le forze del Paese si riservano il diritto di attaccare qualsiasi oggetto militare sul territorio azero.

Il conflitto latente, vecchio di decenni nel Nagorno-Karabakh, altrimenti chiamata ‘autoproclamata Repubblica dell'Artsakh’ si è intensificato il 27 settembre, dopo che Baku e Yerevan si sono accusate a vicenda di innescare ostilità militari.

L'Azerbaigian ha dichiarato una controffensiva e una mobilitazione parziale, mentre l'Armenia ha annunciato la piena mobilitazione in mezzo alle crescenti tensioni.

Negoziati di Mosca e tregua

I capi delle diplomazie di Baku e Yerevan durante i negoziati a Mosca conclusi venerdì scorso in tarda serata hanno concordato il cessate il fuoco nel Nagorno-Karabakh a partire da mezzogiorno di sabato 10 ottobre. I ministri degli Esteri di Armenia e Azerbaigian erano arrivati a Mosca su invito del presidente russo Vladimir Putin. I negoziati sono durati oltre dieci ore.

Tuttavia la tregua si è mostrata fragile si da subito, con accuse da entrambe le parti di violazione del cessate il fuoco e proseguimento di operazioni militari lungo la linea del fronte.

Tema:
Tensione nel Nagorno-Karabakh (82)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook