13:50 31 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
438
Seguici su

Il titolare della diplomazia tedesca ha rinnovato l'impegno da parte della Germania a voler mantenere dei rapporti cordiali con la Federazione Russa.

Berlino continua ad essere interessata ad intrattenere delle buone, o "perlomeno ragionevoli", relazioni con Mosca, a dispetto di quanto accaduto con l'incidente che ha coinvolto il blogger Alexey Navalny.

A riferirlo in un'intervista a Ria Novosti è il capo della diplomazia tedesca Heiko Maas, rispondendo a tutti gli esperti che nei giorni scorsi avevano sostenuto che la vicenda legata a Navalny avrebbe potuto portare ad un congelamento dei rapporti bilaterali russo-tedeschi:

"Ad ogni modo, quanto accaduto ad Alexey Navalny non modifica la geografia e quindi non modifica il nostro interesse nell'avere delle buone o perlomeno ragionevoli relazioni con Mosca. Siamo un paese che vive di commercio e di scambio scientifico. Anche solo per questa ragione abbiamo intenzione di intrattenere con tutti i nostri vicini dei buoni rapporti, che siano fondati su delle regole precise e sul rispetto reciproco", sono state le parole di Maas al media russo.

Il ministro degli Esteri tedesco ha quindi sottolineato come negli anni scorsi la Germania abbia speso molte risorse al fine di far sì che venissero mantenuti dei rapporti amichevoli con la Russia e ha riferito in merito al grande livello di stima reciproca e di collaborazione con il proprio omologo russo, Sergey Lavrov:

E' difficile trovare un collega con il quale mi sia incontrato più spesso rispetto a Sergey Lavrov. Le società dei nostri paesi hanno intessuto dei legami molto stretti, ci sono scambi molto importanti in essere, a livello studentesco, scientifico, artistico ed economico", ha proseguito il ministro.

Maas ha tuttavia rilevato che alcuni incidenti, come il presunto cyberattacco contro il Bundestag del 2015 o l'omicidio del cittadino di nazionalità georgiana Zelimkhan Khangoshvili, hanno portato ad un deterioramento delle relazioni tra i due Paesi.

In ambedue gli incidenti citati, la Germania ha fatto dichiarazioni in merito al coinvolgimento della Russia, che a sua volta ha negato ogni accusa.

Che cosa è successo ad Alexey Navalny

Alexey Navalny è stato ricoverato nella città russa di Omsk il 20 agosto dopo un malore durante un volo che da Tomsk avrebbe dovuto riportarlo a Mosca. I medici russi per 44 ore hanno combattuto senza sosta per la vita di Navalny, diagnosticando al paziente una disfunzione metabolica causata da bassi livelli di zucchero nel sangue.

In seguito Navalny è stato trasferito in aereo a Berlino, presso la clinica Charite, dove i medici hanno inizialmente trovato una sostanza relazionata a un gruppo d'inibitori della colinesterasi nel suo organismo, prima di affermare di aver trovato tracce di una sostanza simile al Novichok nel suo corpo.

Allo stesso tempo, è noto che il Bundesnachrichtendienst, il servizio d'intelligence della Repubblica Federale Tedesca, ha avuto accesso all'agente chimico Novichok negli anni '90. Le autorità tedesche non hanno negato il fatto.

Il 23 settembre Navalny è stato dimesso dalla clinica Charite, dove ha trascorso un periodo di degenza di 32 giorni.

La scorsa settimana, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha affermato che Navalny è stato avvelenato con una sostanza simile a Novichok, ma non presente negli elenchi delle sostanze proibite.

Chi è Alexey Navalny

Alexey Navalny, 44 anni, fondatore del Fondo Anti Corruzione, (FBK) è stato fermato diverse volte dalle forze dell'ordine ed ha scontato una pena detentiva nel luglio 2013 per appropriazione indebita.

Nel dicembre 2016 lo stesso Navalny ha annunciato la propria intenzione di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2018 ma la sua candidatura non è stata accettata dalla Commissione Elettorale Centrale, a causa delle sue pendenze penali precedenti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook