11:53 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 05
Seguici su

L'uomo che ha aperto il fuoco ad una fermata dell'autobus nel villaggio di campagna di Bolsheorlovsky nella regione di Nizhny Novgorod non destava sospetti, hanno raccontato i testimoni di quanto accaduto al portale "Nizhny Novgorod Online".

"Era tranquillo, calmo. Veniva spesso qui da bambino con suo padre. Non aveva fatto il servizio di leva nell'esercito per un difetto cardiaco. Un mese fa ho comprato un fucile e andava a caccia con il padre. Negli ultimi anni non veniva qui, dopo aver comprato il fucile ci è stato due o tre volte", - ha detto uno degli abitanti della casa in cui è arrivato l'aggressore armato.

Gli abitanti del villaggio hanno anche notato che l'uomo non aveva amici a Bolsheorlovsky.

Uno dei testimoni ha detto di aver sentito degli spari in strada.

"Prima, cinque, poi altri due", ha detto.

Il portale ha inoltre riferito che sul luogo della sparatoria c'è il corpo di un uomo di circa 60 anni.

"Ho iniziato a sparare contro una vecchietta, aveva una pallottola allo stomaco e al braccio. Poi ha sparato alla schiena di un uomo che stava passando davanti all'ingresso del palazzo, dopodiché è andato dietro la casa e ha iniziato a sparare a persone a caso", ha detto un altro testimone.

In precedenza le forze dell'ordine avevano riferito a Sputnik che quattro persone erano rimaste uccise ed altre cinque sono state ferite.

Nel villaggio di Bolsheorlovsky la sera del 12 ottobre, uno sconosciuto ha aperto il fuoco presso una fermata dell'autobus. Secondo i media, l'assalitore, un 18enne, ora è riuscito a nascondersi nella foresta. Poliziotti, forze speciali e guardie forestali stanno cercando l'autore della sparatoria.

Tags:
Incidente, sparatoria, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook