20:51 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
1440
Seguici su

Le immagini satellitari hanno contribuito a trovare la nave che ha scaricato rifiuti nelle acque della baia di Avacha il 23 settembre, riferisce l'ufficio stampa del governo regionale.

Allo stesso tempo si nota che la responsabilità di questa nave per quello accaduto nella spiaggia di Khalaktyrsky e in altre zone costiere della Kamchatka con l'intossicazione di surfisti e la moria di animali marini è improbabile.

"Ora si sta elaborando un sistema unificato per il monitoraggio della situazione ambientale. Questa è la nostra risposta più importante al disastro ambientale in cui ci siamo imbattuti. Posso dire che stiamo già elaborando le sue singole componenti", l'ufficio stampa riporta le parole del governatore della regione Vladimir Solodov.

Secondo lui, "un attento monitoraggio delle immagini satellitari e il telerilevamento dalla superficie danno i primi risultati".

"Secondo l'Istituto di ricerca spaziale dell'Accademia Russa delle Scienze, è stata scoperta una nave che è passata il 23 settembre alle sette del mattino vicino alla spiaggia di Khalaktyrsky. Sono stati scaricati rifiuti liquidi. Tuttavia il volume stesso è molto insignificante e, ovviamente, non potrebbe aver provocato l'effetto osservato in tutta la zona marina contaminata. Ma anche in questo caso, la nave sarà identificata al 100%, i dati sono già stati trasferiti alle forze dell'ordine", ha detto il governatore.

Tutto questo dimostra, ha aggiunto il governatore, che il sistema di monitoraggio esistente consente di farsi carico di tutti i trasgressori della legislazione ambientale.

"Semplicemente non sappiamo come sfruttarlo. Lanceremo sistemi complessi nel prossimo futuro. Ci permetteranno di essere sicuri che non un singolo trasgressore, non una sola persona che inquina l'ambiente, la farà franca", ha aggiunto il governatore.

In precedenza, Solodov aveva ideato un'iniziativa per introdurre il monitoraggio ambientale quotidiano a livello federale. La proposta è stata sostenuta da Dmitry Kobylkin, ministro delle Risorse Naturali e dell'Ambiente della Federazione Russa.

Contaminazione del litorale della Kamchatka

La contaminazione di una zona costiera della Kamchatka è acquisito una grande rilevanza alla fine di settembre dopo che alcuni surfisti avevano denunciato un cambiamento nel colore dell'acqua sulla spiaggia di Khalaktyrsky, così come segni di intossicazione. In aggiunta sui social sono state postate le foto con i resti di centinaia di animali marini morti sulle spiagge.

Sono stati prelevati molti campioni per indagare sullo stato della costa della Kamchatka e scoprire le cause di questa situazione. Il Comitato Investigativo ha aperto un fascicolo per violazioni nello "smaltimento di rifiuti speciali e inquinamento dell'ambiente marino".

Tags:
Inquinamento, Ambiente, Russia, Kamchatka
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook