00:13 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
319
Seguici su

Il Consiglio Centrale Ebraico di Svezia ha chiesto ai social di dedicare una maggiore attenzione all'antisemitismo, dopo che una ricerca ha mostrato come il 35% dei post sugli ebrei è negativo e contiene stereotipi sul potere degli ebrei.

Un recente rapporto dell'Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa (FOI) ha indicato un'incidenza di stereotipi e allusioni antisemite sui social media. Il 35% dei post sugli ebrei si è rivelato negativo e contiene stereotipi sul potere ebraico o allusioni alle teorie del complotto riguardanti gli ebrei, secondo cui gli eserciterebbero influenza e potere nella politica mondiale. Il Consiglio centrale ebraico di Svezia ha chiesto ai giganti di Internet di fermare la diffusione di questi messaggi, eliminando i post tempestivamente.

Aron Verständig del Consiglio centrale ebraico si è detto "preoccupato" e "rattristato" dal rapporto. "La società deve prenderlo incredibilmente sul serio", ha sottolineato. Secondo Verständig, la fede nel potere ebraico è una "delusione mentale" e potrebbe avere come conseguenza un picco di antisemitismo che può facilmente ispirare altri a commettere atti di violenza. 

"Questo tipo di studio deve essere utilizzato come strumento della polizia e dei legislatori per porre delle condizioni più strette a chi opera su queste piattaforme. Hanno la responsabilità di non diffondere questo tipo di pericolose teorie del complotto", ha detto Aron Verständig a Swedish Radio, invocando una maggiore responsabilità.

Verständig ha sottolineato che la Scandinavia ha assistito a un crescente antisemitismo alimentato dalle teorie del complotto massonico-sionista e del potere ebraico, ricordando le recenti manifestazioni della resistenza nordica neonazista durante lo Yom Kippur, considerato il giorno più sacro dell'anno nella religione ebraica.

Lo studio dell'Agenzia svedese per la ricerca sulla difesa ha analizzato i post di quattro piattaforme di social media: Twitter, Reddit, Gab e 4chan.

Le principali piattaforme di social media dispongono già di meccanismi per eliminare le osservazioni considerate antisemite. Ad esempio, il rapper britannico Wiley ha cancellato i suoi profili dalle piattaforme dei social media in seguito a ripetute allusioni sul potere e sul denaro degli ebrei. Tuttavia, da allora ha raddoppiato molti dei suoi commenti, incluso il fatto che gli ebrei "governano la Terra".

Gli ebrei svedesi e l'antisemitismo

La diaspora ebraica svedese, con radici dal 17° secolo, comprende circa 20.000 persone ed è per lo più diffusa nelle più grandi città del paese come Stoccolma, Malmö e Göteborg. Negli ultimi anni sono aumentati attacchi, molestie, bullismo e violenza nei confronti della comunità ebraica. Il primo ministro Stefan Löfven ha attribuito questo in parte all'oblio dell'Olocausto e in parte  all'immigrazione di massa dal Medio Oriente .

Mentre l'antisemitismo in Svezia era storicamente associato all'estremismo di destra, uno studio del 2013 citato dal New York Times ha rivelato che il 51 per cento degli incidenti di antisemitismo in Svezia erano collegati a estremisti musulmani. Uno su quattro è stato perpetrato da estremisti di sinistra e solo il 5 per cento è stato perpetrato da estremisti di destra, chiamati anche neonazisti.

Tags:
ebrei, Svezia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook