11:42 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

Ormai da due anni il сoncorso "Knowledge Up!" si svolge in 40 Paesi del mondo tra gli insegnanti delle scuole russe che utilizzano le tecnologie digitali nel processo didattico. Cosa offre agli insegnanti? Perché i partecipanti da tutto il mondo dovrebbero volare a Mosca e cosa possono imparare gli uni dagli altri?

Ne ha parlato al corrispondente del progetto "Navigatore Sociale" dell'agenzia russa di stampa internazionale "Rossiya Segodnya" Galia Galyamova, direttrice commerciale di Novoye Vremya, responsabile del concorso.

— Il progetto ha solo 2 anni. Cosa può dirci?

"Knowledge Up!" è una competizione tra insegnanti delle scuole russe all'estero, organizzata dall'agenzia federale Rossotrudnichestvo per la cooperazione umanitaria dei connazionali all'estero. La prima competizione si è tenuta lo scorso anno e oggi, quando il numero dei partecipanti è raddoppiato, possiamo dire che è molto richiesta, soprattutto come piattaforma per la comunicazione tra insegnanti delle scuole russe all'estero.
Il concorso si svolge tra insegnanti che utilizzano le tecnologie digitali nel loro processo didattico. La giuria valuta l'efficacia della loro metodica e l'unicità dell'insegnamento. Lo scopo del concorso è replicare l'esperienza di successo di colleghi di altri Paesi.

— Gli insegnanti di quali Paesi vi prendono parte?

— La competizione copre quasi tutti i continenti del globo e si svolge in 40 paesi del mondo, tra cui a titolo d'esempio Marocco, Cuba, Spagna, Francia, Mongolia, Vietnam, Italia, Kazakistan, Libano, Messico, Malesia.

— Come è organizzata la competizione e dove si svolge?

— Le qualificazioni si terranno all'estero e le prove finali in Russia. Portiamo i finalisti a Mosca in modo che si presentino davanti alla giuria e presentino il loro progetto. Inoltre formiamo per loro un interessante programma integrativo. È un peccato che incontrino difficoltà nell'ottenimento della letteratura all'estero. Questa competizione aiuta a risolvere questi problemi.

— Quali sviluppi digitali dei partecipanti potrebbe rilevare?

— Prima di tutto, il lavoro del vincitore dello scorso anno, Saini Sonu dall'India. Partecipa alla creazione di un'interessante applicazione mobile con colleghi provenienti da Israele, Turchia ed altri Paesi. Uno sviluppo molto insolito di un partecipante armeno Kim Vanskigian. Ha creato un'applicazione mobile "Conversazione con un poeta", tramite cui insegna le poesie di Pushkin ai bambini mediante un gioco.

— Come viene replicata l'esperienza di successo dei partecipanti al concorso?

— Ora stiamo lavorando alla creazione di una banca dati simile, funzionerà nel formato di un social network con il nostro nome "Knowledge Up!". Al momento, il comitato organizzatore, i membri della giuria ed i partecipanti hanno la possibilità di comunicare e scambiare esperienze online, indipendentemente dalle restrizioni dovute alla pandemia di Covid.

— Che ruolo giocano le tecnologie digitali in una scuola moderna, secondo lei?

— Le tecnologie digitali accompagnano intrinsecamente il processo educativo. I bambini oggi assimilano informazioni principalmente attraverso dispositivi e gadget. Siamo alle porte di un periodo in cui gli insegnanti si riqualificano e introducono tali strumenti nel loro lavoro.

Si può affermare in modo inequivocabile che il futuro appartiene alle tecnologie educative digitali. Pertanto, il nostro concorso offre l'opportunità di muoversi avanti e "pompare" conoscenza a tutti i partecipanti, organizzatori e membri della giuria.

Tags:
Russia, Scuola, Cultura, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook