12:06 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
206
Seguici su

Un bambino di 3 anni nella Cina sudoccidentale è stato segnalato come nuovo caso sospetto di peste bubbonica, hanno comunicato le autorità locali venerdì.

Il caso è stato segnalato nella contea di Menghai, ai confini con il Myanmar, nella provincia cinese dello Yunnan. La Prefettura Autonoma di Xishuangbanna Dai, cui risponde amministrativamente la contea di Menghai, ha annunciato lo stato di emergenza di livello IV per prevenire l’eventuale diffusione della temuta malattia.

Il bambino di 3 anni ammalato, sarebbe ora in condizioni stabili dopo aver ricevuto le dovute cure, ha detto sabato al Global Times, tabloid quotidiano cinese, un funzionario del governo della contea, soprannominato Gao, aggiungendo che si tratta dell'unico infetto trovato finora.

Il caso è stato osservato durante una indagine sulla malattia in tutta la contea, dopo che tre ratti erano stati trovati morti per ragioni ignote in un villaggio. Le autorità locali di controllo delle malattie il 21 settembre avevano preliminarmente concluso che una non meglio identificata piaga avesse colpito i topi nella regione.

In tutta la contea è in corso una campagna di risanamento e deratizzazione incentrata sull'eradicazione di pulci e roditori, ha specificato il funzionario locale.

Gli sporadici casi di peste hanno suscitato preoccupazioni nell'opinione pubblica, dopo le notizie provenienti dalla regione autonoma della Mongolia interna, nella Cina settentrionale ad agosto, dove due persone erano morte.

Wang Peiyu, vice capo della Scuola della Salute pubblica dell'Università di Pechino, ha dichiarato sabato al Global Times che è improbabile che la peste si possa diffondere nello Yunnan, tuttavia bisogna fare attenzione poiché il morbo potrebbe diffondersi invece rapidamente tra i topi.

"I ratti infetti sono una fonte chiave della malattia, che si trasmette anche agli esseri umani attraverso i morsi di pulci infette", ha detto Wang, osservando che la peste bubbonica non viene trasmessa all’uomo direttamente.

La malattia, una delle principali malattie infettive classificate dalla legge cinese sulla prevenzione, progredisce molto rapidamente dopo il contagio, ha detto Wang spiegando che "Il paziente svilupperebbe febbre e poi soffrirebbe di ingrossamento dei linfonodi, sepsi, insufficienza d'organo e persino morte", aggiungendo che il tasso di mortalità raggiungerebbe il 40-50%.

La peste bubbonica non è del tutto una novità nello Yunnan, poiché negli anni si sono verificati casi sporadici, ha detto l'esperto.

Casi in Mongolia

Lunedì 7 settembre era trapelata la notizia dalla provincia di Zavkhan, nella Mongolia nord-occidentale (3mila km di distanza da Menghai), della morte di un uomo di 38 anni infettato da peste bubbonica. Secondo il Centro per le malattie zoonotiche della provincia mongola, quello sarebbe stato il terzo caso accertato da inizio anno.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook