00:37 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
305
Seguici su

Oltre la metà dei decessi è avvenuta in Usa, Brasile, India e Messico, i Paesi più colpiti dalla pandemia. L'Oms prevede un possibile raddoppio del bilancio delle vittime.

Si aggrava il bilancio della pandemia di COVID-19 nel mondo, che ha già segnato il tragico traguardo di un milione di vittime, secondo i conteggi di France Press, eseguiti sulla base di dati ufficiali dal momento della scoperta dei primi casi, nel dicembre 2019 in Cina. 

"Un milione è un numero terribile", ha affermato nei giorni scorsi il direttore esecutivo del programma emergenze dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Michael Ryan, che ritiene il raddoppio "molto probabile".

Le previsioni dell'Oms, infatti, mettono in guardia su una possibile recrudescenza della pandemia, con una curva dei contagi che inizia a risalire in Europa, Medio Oriente e Asia, rafforzando i timori di una seconda ondata in un momento di estrema difficoltà per i governi, alle prese con il malcontento della popolazione per le misure restrittive e di lockdown. 

Sinora la maggior parte dei decessi nel mondo ha riguardato gli Stati Uniti (204.500 morti), il Brasile (quasi 142.000), l'India (oltre 95.500) e il Messico (oltre di 76.000), con i maggiori focolai localizzati in America Latina, Europa, nella prima fase della pandemia, e Asia. 

Il capo della task forse anticovid della Casa Bianca, il professor Anthony Fauci, si dice "cautamente ottimista" sul vaccino, che potrebbe arrivare già all'inizio del 2021. 

Negli Stati Uniti "ci sono sei vaccini che in questo momento vengono sottoposti a esami per la sicurezza e l'efficacia, quattro sono già alla fase 3 e visto il livello dell'infezione possiamo dire che saremo in grado di sapere la probabilità della sua efficacia entro novembre-dicembre", ha detto ieri intervenendo in collegamento video alla trasmissione Che tempo che fa? su Rai 3.

"Ci sono già alcune aziende che stanno cominciando a produrre alcune dosi di questo vaccino, se questo vaccino sarà davvero sicuro entro la fine del 2020 saremmo in grado di distribuirlo ai sanitari o a chi ha particolari patologie", ha affermato.

Usa

Sono almeno 267 i nuovi decessi per coronavirus e 37.332 i nuovi casi accertati negli Stati Uniti il ​​27 settembre, secondo le stime del New York Times. Dall'inizio della pandemia sono 7.139.300 i casi di contagio negli Stati Uniti e almeno 204.500 i decessi.

Nell'ultima settimana si sono verificati in media 43.111 casi al giorno, con un aumento del 23% rispetto alla media di due settimane prima. Il numero di casi rimane costantemente alto in gran parte del paese, sebbene le segnalazioni di nuovi casi siano diminuite notevolmente dalla fine di luglio, quando il paese aveva una media di oltre 60.000 contagi giornalieri. 

India

L'India ha superato 6.000.000 di casi confermati di COVID-19, con oltre 82.000 nuovi casi di positività registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero della Salute.

Il bilancio della pandemia aggiornato al 28 settembre è di 6.074.702 casi totali (+82.170), di cui 962.640 attivi (6.238), 5.016.520 guariti (+74.893) e 95.542 decessi (+1.039).

Il giorno precedente erano stati accertati 88.600 nuovi casi di infezione e 1.124 decessi per COVID-19. 

Brasile

Il ministero della Salute brasiliano ha comunicato. nel bollettino di domenica 27 settembre, 14.318 nuovi casi di contagio nelle ultime 24 ore, che hanno elevato il totale a 4.732.309 positivi dall'inizio dell'epidemia nel Paese. Il bilancio dei decessi è di 141.741 morti, 335 avvenute nell'ultimo giorno. 

Il numero di pazienti guariti è stato di 4.060.088, quasi l'86% del numero totale di persone infette. Sono invece 530.480 i pazienti sono ancora sotto controllo medico.

Funzionari sanitari statali stanno indagando su 2.511 morti sospette per COVID-19. Fino a sabato c'erano 2.430 casi sotto inchiesta. Secondo i dati riferiti dal ministero, il tasso di mortalità in Brasile del 3%.

Europa

In Europa torna la paura per il coronavirus con all'aumento dei contagi in molti Paesi, alcuni dei quali, come Spagna, Francia e Regno Unito, hanno reintrodotto restrizioni e misure di lockdown parziale. 

Nelle ultime 24 ore il numero di positivi in Francia ha nuovamente superato i 10 mila casi giornalieri, con 11.123 nuovi positivi accertati questa domenica, dopo aver superato quota 16 mila ed esser a 15.797 e 14.412. Il calo è dovuto alla riduzione delle attività di diagnosi nel fine settimana, dovute alla chiusura dei laboratori. Il tasso di positività continua a salire raggiungendo il 7,4% contro il 5,7% di una settimana fa

Aumenta il numero dei ricoveri in ospedale e delle terapie intensive (786), 23 in più rispetto a sabato.

Tags:
India, Messico, Brasile, USA, Mondo, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook