01:16 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
410
Seguici su

Mercoledì, numerosi manifestanti sono scesi per le strade di Louisville, Kentucky, dopo che il procuratore generale dello stato ha annunciato che gli agenti di polizia responsabili dell'uccisione di Breonna Taylor, una donna nera di 26 anni, non dovranno affrontare un processo penale per la sua morte.

Almeno due agenti di polizia sono stati feriti da colpi d'arma da fuoco a Louisville, Kentucky, in mezzo a disordini civili per una decisione del procuratore generale dello stato Daniel Cameron secondo cui l'uso della forza da parte di due agenti di polizia nella morte di Breonna Taylor a marzo era giustificato dalla legge statale.

Il capo del dipartimento di polizia della metropolitana di Louisville, Robert Schroeder, ha dichiarato in una conferenza stampa che un sospetto è stato arrestato dopo la sparatoria.

"Entrambi gli agenti sono attualmente in cura... Uno è vigile e stabile. L'altro è stato sottoposto a intervento chirurgico ed è stabile. Abbiamo un sospetto in custodia", ha detto.

Secondo la NBC, i due agenti sono stati portati all'ospedale dell'Università di Louisville dopo il ferimento.

​Il ferimento con arma da fuoco dei due ufficiali ha suscitato una reazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha scritto su Twitter di "pregare" per loro ed ha espresso la sua disponibilità a offrire aiuto da parte del governo federale.

​A seguito di un rapporto iniziale secondo cui un ufficiale della Polizia di Louisville è stato ucciso, l'FBI ha annunciato in una dichiarazione di aver risposto alla sparatoria.

"Il team SWAT dell'FBI Louisville ha risposto a un ufficiale della Polizia di Louisville che è stato ucciso e continuerà ad assistere nelle indagini", si legge nel comunicato.

​Rapporti precedenti suggerivano che la sparatoria fosse avvenuta a Brook and Broadway, a Louisville, nel Kentucky, durante le proteste di massa per l'annuncio di Breonna Taylor. Gli utenti di Twitter hanno condiviso video che presumibilmente mostrano il momento esatto degli spari.

L'uccisione di Breonna Taylor e le proteste​

Le proteste a Louisville sono scoppiate dopo che è stato annunciato che gli agenti di polizia coinvolti nell'omicidio di una donna nera, Breonna Taylor, non sarebbero stati indagati per la sua morte, con un solo agente incriminato per tre capi d'imputazione per aver sparato negli appartamenti vicini durante il raid fatale.

Gli agenti hanno usato proiettili di gomma contro i manifestanti e hanno condotto più arresti. Nella città è stata schierata anche la Guardia Nazionale.

Il sindaco di Louisville ha annunciato mercoledì l'imposizione di un coprifuoco per le successive 72 ore tra le 21:00. e alle 6:30

Taylor è stata uccisa a colpi di arma da fuoco il 13 marzo, quando gli agenti di polizia hanno fatto un'irruzione "senza mandato di arresto" nel suo appartamento mentre cercavano due sospetti spacciatori di droga. Il ragazzo di Taylor ha aperto il fuoco contro la polizia, spiegando in seguito che non si erano identificati come poliziotti. Gli agenti hanno poi sparato decine di colpi in risposta, cinque dei quali hanno colpito Taylor.

L'uccisione di Breonna Taylor, così come di un uomo nero a Minneapolis, George Floyd, da parte di agenti di polizia bianchi, ha provocato una nuova ondata di proteste a livello nazionale contro la brutalità della polizia e il razzismo negli Stati Uniti, travolgendo diverse città con rivolte, saccheggi e aggressioni violente.

Correlati:

Polizia di Louisville in tenuta antisommossa contro i manifestanti dopo sentenza Breonna Taylor
Sparatoria a Louisville in Kentucky: un morto
Proteste in Usa, centinaia di manifestanti armati si scontrano in assenza di polizia a Louisville
Tags:
Polizia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook