12:01 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
112
Seguici su

I residenti del villaggio di Aberhosan, in Galles, hanno affrontato un problema insolito: per un anno e mezzo, ogni giorno alla stessa ora, non hanno potuto connettersi ad internet.

Nel tentativo di risolvere il problema, gli ingegneri locali hanno condotto tutti i tipi di test e hanno persino sostituito ampie sezioni di cavi nell'area. Tuttavia sono stati gli esperti della società Openreach, responsabile della fornitura del servizio, a "diventare detective" per risolvere il mistero.

Gli specialisti hanno ipotizzato che il misterioso guasto poteva essere stato causato dal fenomeno soprannominato SHINE (rumore a impulso singolo di alto livello), che si verifica quando un dispositivo emette interferenze elettriche che influenzano la connessione a banda larga. Gli esperti di Openreach hanno esaminato l'area con un dispositivo di misurazione elettronico noto come analizzatore di spettro.

Alle 7 del mattino, il dispositivo "ha raccolto una grande esplosione di interferenze elettriche". Gli ingegneri, a loro volta, hanno rintracciato la fonte del rumore elettronico e sono giunti alla conclusione che si trattava di una vecchia televisione appartenuta a uno dei vicini del villaggio.

"Si è scoperto che ogni mattina alle sette, l'inquilino della casa accendeva la sua vecchia TV, gesto che aveva fatto crollare la rete in tutto il villaggio", ha detto il capo del team di ingegneri, Michael Jones, in una dichiarazione.

Jones ha sottolineato che il proprietario della TV "era mortificato" della notizia "e ha immediatamente accettato di spegnerlo e non usarlo di nuovo".

Un'altra esperta, Suzanne Rutherford, ha detto che la situazione "è più comune di quanto si pensi e può essere causata da tutto ciò che ha componenti elettrici, dalle luci esterne alle microonde o telecamere di sicurezza".

Agli inizi di settembre in Italia la Corte di Cassazione ha stabilito che il comportamento di chi invia foto hard tramite WhatsApp o altri sistemi di messaggistica a un minorenne costituisce violenza sessuale, reato per il quale è prevista la custodia cautelare in carcere.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook