23:30 29 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 15
Seguici su

I cittadini sono stati invitati a non lasciare il comune a meno di urgenti necessità, mentre le principali attività commerciali rimarranno chiuse.

L'amministrazione comunale di Orune, piccolo centro di 2.300 abitanti in provincia di Nuoro, è pronta a varare quello che si prospetta come un nuovo lockdown.

La nuova impennata di casi, con 52 positivi e oltre 150 persone in regime di quarantena fiduciaria, ha spinto il sindaco Pietro Deiana ad adottare delle misure drastiche per fermare l'avanzata del Covid-19.

L'ordinanza, disponibile sul sito ufficiale del comune, sarà fiirmata nelle prossime ore dal primo cittadino ed entrerà in vigore a partire dalla giornata di domani, protraendosi fino al prossimo 5 di ottobre.

Essa prevede la chiusura a scopo precauzionale di bar, ristoranti ed esercizi commerciali, con i cittadini che sono caldamente invitati a non lasciare il territorio del comune se non per motivi di comprovata necessità.

Allevatori e agricoltori locali potranno godere di una deroga a tali misure, che consentirà loro di recarsi al lavoro preso le rispettive aziende, sebbene in numero non superiore a uno.

Tutte le restrizioni sono state concordate con il prefetto di Nuoro, Luca Rotondi, il quale ha disposto le attività di controllo delle strade da parte delle forze dell'ordine, Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, che saranno impegnati per garantire il rispetto delle regole.

Da domani, inoltre, a Orune arriverà direttamente da Cagliari la task force Ats, che effettuerà tamponi a tappeto su tutta la popolazione e proprio dagli esiti dello screening dipenderà in futuro un eventuale allentamento del lockwdown.

In precedenza l'aumento dei contagi aveva portato il sindaco Deiana a rinviare l'inizio dell'anno scolastico al prossimo 5 di ottobre.

Dall'inizio della pandemia sono 3 327 i casi di coronavirus SARS-CoV-2 confermati in Sardegna, dei quali 1300 già guariti e dimessi, mentre il bilancio delle vittime è pari a 139.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook