05:41 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
2130
Seguici su

Il processo di registrazione del secondo preparato sviluppato in Russia dovrebbero concludersi nel giro di circa tre settimane.

Il Ministero della Salute russo ha comunicato di aver avviato il processo di registrazione del secondo vaccino russo per il coronavirus, sviluppato dal Centro di ricerca Vector di Novosibirsk.

A riferirlo è il servizio stampa del Servizio federale di sorveglianza sulla protezione dei diritti dei consumatori e del benessere umano (Rospotrebnadzor).

Il processo di registrazione del nuovo preparato, che ha ricevuto la denominazione di EpiVakKorona, dovrebbe essere terminato entro il prossimo 15 di ottobre.

Alla fine di agosto il vice primo ministro russo, Tatyana Golikova, aveva affermato che le sperimentazioni cliniche del secondo vaccino contro il coronavirus della Russia si sarebbero concluse entro la fine di settembre, 

Il servizio stampa del Rospotrebnadzor aveva precedentemente reso noto che tutti i volontari per la Fase 1 degli studi clinici per il vaccino COVID-19 del centro di ricerca russo Vector hanno sviluppato anticorpi.

Nella mattinata odierna il Ministero della Salute russo ha conferito l'autorizzazione a procedere per lo svolgimento di test clinici su un nuovo vaccino per il coronavirus, sviluppato dal Centro per la ricerca e lo sviluppo di preparati immunobiologici Chumakov.

Il primo vaccino russo contro il coronavirus

Lo scorso 11 agosto il governo russo ha registrato ufficialmente Sputnik V come il primo vaccino al mondo contro COVID-19, la cui comprovata efficacia è stata verificata attraverso una pubblicazione sulla rivista scientifica The Lancet.

Sputnik V è stato sviluppato da specialisti del Centro Gamaleya con il sostegno del Fondo Russo per gli Investimenti Diretti (RDIF). Gli esperti hanno sottolineato che durante gli studi clinici, tutti i volontari hanno sviluppato livelli di anticorpi elevati, nessuno ha avuto gravi complicazioni.

Il capo dell'RDIF, Kirill Dmitriev, ha riferito che il fondo ha ricevuto richieste da più di 20 Paesi per l'acquisto di un miliardo di dosi del vaccino. Allo stesso tempo, ha osservato che la Russia ha acconsentito alla produzione di vaccini in cinque di essi. Secondo lui, le attuali capacità disponibili consentono di produrre 500 milioni di dosi all'anno.

Nella giornata di ieri l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha espresso il proprio ringraziamento alla Russia per lo sviluppo di un vaccino così efficace.

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook