15:06 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Coronavirus nel mondo: oltre 30 milioni contagiati (111)
112
Seguici su

Il bilancio mondiale è sempre più vicino alla soglia di un milione di decessi e diversi Stati europei valutano il ripristino di restrizioni e blocco degli spostamenti nel tentativo di spegnere i nuovi focolai.

La pandemia di Covid-19 ha causato 960.729 vittime in tutto il mondo. Dall'inizio della sua diffusione, il virus Sars-Cov2 ha contagiato 31.032.045 persone a livello globale. 

USA

Il Paese con il maggior numero di casi di positività e decessi è gli Usa, con quasi 200.000 morti relazionate al nuovo coronavirus.  Sono 213 nuovi decessi per coronavirus e 36.401 nuovi casi sono stati segnalati negli Stati Uniti il ​​20 settembre, per un totale di 6.825.700, secondo quanto riporta il New York Times. 

Nell'ultima settimana, è stata registrata una media di 41.101 casi al giorno, un aumento dell'1% rispetto alla media di due settimane prima. Sebbene il numero di casi rimanga elevato all'interno del Paese, è avvenuto un sensibile calo dei contagi rispetto alle settimane di luglio, quando la media dei contagi era di 60.000 casi al giorno. 

India

L'India è il secondo Paese al mondo per numero di casi e il terzo per decessi, dopo Usa e Brasile. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 86.961 nuovi casi di Covid-19, per un totale di 5.487.580 contagi dall'inizio dell'emergenza sanitaria, e altri 1.130 decessi, che hanno portato il bilancio delle vittime a 87.882 morti.

Nonostante l'intensità con cui il nuovo coronavirus sta colpendo il gigante asiatico, le autorità hanno deciso di riaprire ai turisti il Taj Majal, che ogni giorno può ospitare sino a 70.000 persone. Il mausoleo simbolo dell'India è stato chiuso il 17 marzo a causa dell'emergenza sanitaria. 

Europa

Cresce nuovamente la preoccupazione in Europa, dopo una tregua durata diversi mesi, e alcuni Paesi stanno già pensando a imporre nuove chiusure e restrizioni per spegnere i nuovi focolai e contenere la diffusione del virus. 

Il Regno Unito, dopo il boom di contagi di ieri, 4.200 in un giorno, valuta misure di lockdown a partire da martedì per rallentare la diffusione del virus.  "Siamo a un punto critico" ha annunciato il segretario alla Salute britannico, Matt Hancock. "Le persone si sono rilassate durante l'estate", ha spiegato, ma "ora è il momento in cui tutti devono tornare" a seguire le regole. Non si esclude il blocco della capitale. 

Dopo il record di oltre 13 mila contagi, la Francia ha registrato un calo di casi, 10.569 nelle ultime 24 ore. Resta comunque alto l'impatto del Covid-19 sul Paese, dove anche il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire, è risultato positivo al virus e si è posto in isolamento. 

Il tasso di positività al test continua a salire e si attesta sul 5,7%, contro il 5,6% di domenica, riferisce Le Parisien. Nelle ultime 24 ore sono 311 i decessi dovuti al Covid-19, per un totale di 31.257.

Allarme anche in Spagna, dove dall'inizio dell'epidemia ci sono stati 640.040 casi in totale e 30.495 decessi. Madrid continua ad essere il maggiore focolaio del Paese. Nuove misure di lockdown nella regione di Madrid, entrate in vigore oggi per i prossimi 14 giorni, riguarderanno circa 858.000 persone.

Le restrizioni riguarderanno gli spostamenti. Sarà infatti consentito uscire di casa solo per recarsi al lavoro, in farmacia e andare a scuola. La decisione era stata annunciata venerdì sera dalla governatrice Isabel Diaz Ayuso. Solo nella capitale sono schierati 200 uomini della polizia per monitorare il rispetto delle restrizioni. 

Tema:
Coronavirus nel mondo: oltre 30 milioni contagiati (111)
Tags:
Spagna, Francia, Regno Unito, India, USA, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook