14:18 31 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
363
Seguici su

La dichiarazione è stata fatta dall'attuale presidente americano nel corso di un comizio tenuto in North Carolina.

Sabato sera, intervenendo ad un comizio a Fayetteville, nella North Carolina, il presidente americano Donald Trump ha riferito che in futuro potrebbe firmare un ordine esecutivo che impedisca al candidato democratico Joe Biden di correre per la presidenza degli USA.

"Possiamo scherzare, possiamo giocare, possiamo divertirci. Ma non potete avere lui come presidente. [...] Forse firmerò un ordine esecutivo per non farlo diventare presidente", ha spiegato Trump, argomentando che Biden non sarebbe adatto a ricoprirela prima carica dello stato a causa della sua a livello mentale.

In questo senso, Trump ha addirittura ipotizzato che Biden possa assumere delle sostanze psicotrope per migliorare le proprie performance durante i dibattiti e i comizi elettorali.

"Presto avrò un dibattito con lui. Non si sa mai. Gli hanno dato un bel calcio nel sedere [...] e per due ore sta meglio che mai. Il problema è: che cosa succede dopo?", ha incalzato il tycoon.

Trump ha quindi concluso il proprio intervento, definendo il proprio rivale per le elezioni del prossimo 3 di novembre "il peggior candidato nella storia delle elezioni presidenziali".

La reazione di Biden

L'attacco diretto da parte di Trump ha portato ad una rapida reazione di Biden e del suo entourage.

Questi, nelle ore immediatamente successive al discorso dell'attuale inquilino della Casa Bianca, hanno pubblicato un certificato medico che descrive il 77enne ex vice di Barack Obama "in piena salute.

Le elezioni presidenziali americane

Il prossimo 3 novembre negli Stati Uniti si terranno le elezioni presidenziali, per la scelta del nuovo capo di stato.

A concorrere per la carica più alta del paese saranno Donald Trump, presidente uscente e candidato del Partito Repubblicano, e Joe Biden, ex vice di Barack Obama, e rappresentante del Partito Democratico.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook