12:42 30 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
241
Seguici su

La notizia arriva dopo che ieri ByteDance aveva presentato un esposto presso il tribunale di Washington per protestare la decisione dell'amministrazione americana di vietare TikTok e WeChat sul territorio americano.

Un giudice della California ha bloccato la disposizione del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti che richiedeva la rimozione a partire dalla giornata di oggi dagli store di Apple e Google dell'applicazione WeChat.

A riferirlo è l'agenzia di stampa Reuters. Secondo quanto riportato, gli utenti di WeChat hanno presentato un esposto nel quale "sono state sollevate delle questioni molto serie riguardanti le rivendicazioni legate al Primo Emendamento".

Sono queste le motivazioni che hanno portato Laurel Beeler, giudice della California, ad emettere un'ingiunzione preliminare che di fatto blocca il provvedimento del Dipartimento del Commercio.

La decisione arriva dopo che lo stesso Dipartimento aveva assicurato che gli ordini esecutivi presentati dal presidente Donald Trump avrebbero impedito l'accesso a WeChat e TikTok a partire dal 20 settembre.

Le trattative tra ByteDance e Oracle

Nelle scorse ore è stato reso noto un nuovo colpo di scena nella vicenda relativa al tentativo del governo americano di vietare l'utilizzo di WeChat e TikTok sul territorio americano.

Il divieto di scaricare e utilizzare l'app, che sarebbe dovuto scattare oggi, è slittato invece al 27 settembre prossimo. Ciò in ragione di una riapertura in extremis delle trattative tra la stessa ByteDance e la multinazionale americana Oracle per il raggiungimento di un accordo sulle cessioni delle quote di gestione di TikTok negli USA.

L'operazione ha ricevuto il bene placido del presidente USA Donald Trump, come confermato dallo stesso inquilino della Casa Bianca ai reporter nel corso della sua visita in North Carolina.

La scorsa settimana erano già circolate voci circa una possibile acquisizione delle quote di gestione americane di TikTok da parte di Oracle, dopo che era naufragata la trattativa tra ByteDance e Microsoft per la cessione delle stesse.

Il divieto americano a TikTok e WeChat

Nella giornata di venerdì l'amministrazione americana ha pubblicato sul sito web del Dipartimento del Commercio la nuova normativa che avrebbe dovuto imporre il divieto ai cittadini americani di scaricare TikTok e WeChat a partire dalla giornata di domani, 20 settembre 2020.

Ieri, 19 settembre, ByteDance ha presentato un esposto presso il tribunale di Washington per protestare la decisione dell'amministrazione americana.

Negli scorsi mesi Trump e il governo USA hanno lanciato una guerra contro la popolare app di condivisione video molto popolare, TikTok, quest'anno, citando preoccupazioni su possibili violazioni della sicurezza dei suoi utenti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook