02:37 20 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
120
Seguici su

Le persone con malattie gastrointestinali non dovrebbero indossare jeans a vita alta e vestiti attillati, ha detto a Radio Sputnik la gastroenterologa Nuria Dianova.

I jeans a vita alta possono enfatizzare il fisico, ma causeranno disagio in caso di malattie del tratto gastrointestinale. Quindi, con un'esacerbazione della gastrite, i jeans a vita alta possono intensificare il dolore, ha avvertito la gastroenterologa Nuria Dianova in un'intervista a Radio Sputnik.

"La gastrite è nella zona della vita ed i jeans alti premono a livello dell'ombelico. Se una persona cammina, non influisce molto sulla condizione, ma non appena ci sediamo, c'è pressione su quest'area, la pressione intra-addominale aumenta e va a creare pressione sullo stomaco. in questo momento, una persona ha un'esacerbazione della gastrite, il dolore può intensificarsi. Se c'è una malattia da reflusso, i jeans alti sono controindicati: in tali pazienti, la pressione provoca un forte bruciore di stomaco", ha avvertito Nuria Dianova.

Altre cose strette e cinture strette possono allo stesso modo provocare disagio.

"In caso di erosione, ulcere e reflusso, si consiglia di rinunciare alle cinture strette e agli indumenti attillati. Corsetti, camicette molto strette, magliette attillate per gli uomini non danno spazio ai movimenti addominali. Sedersi con questi vestiti è più difficile che camminare".

Le malattie del tratto gastrointestinale generalmente influenzano l'aspetto di una persona, ha osservato l'esperto.

"Le persone che hanno malattie gastrointestinali, quando hanno dolore, il più delle volte camminano in abiti larghi, di misura più grande. I loro vestiti sono larghi, leggeri e non stringono", conclude Nuria Dianova.

Tags:
Salute, Moda, Società
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook