20:31 29 Settembre 2020
Mondo
URL abbreviato
3121
Seguici su

L'ambizioso progetto russo è stato messo in discussione dopo le accuse europee secondo cui la Russia sarebbe stata responsabile del presunto "avvelenamento" di Navalny con un agente nervino, il Novichok.

Il Nord Stream 2 è un progetto commerciale che è redditizio sia per la Russia che per l'UE, e non dovrebbe essere politicizzato, ha detto mercoledì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

All'inizio della giornata, il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha espresso la convinzione che qualsiasi risoluzione della situazione intorno al gasdotto Nord Stream 2 non solleciterebbe la Russia a cambiare il suo comportamento sulla scena internazionale.

Von der Leyen ha anche affermato che il comportamento di Mosca nella situazione concernente il presunto avvelenamento del personaggio dell'opposizione russa Alexey Navalny, attualmente in cura a Berlino, è assolutamente "tipico". Peskov ha confutato la dichiarazione e ha sottolineato che la Germania ha continuato a rifiutare la cooperazione sull'indagine. Il portavoce del Cremlino ha anche qualificato la dichiarazione come "pregiudizio politico" e "mancanza di comprensione" della situazione.

Il caso Navalny e il Nord Stream 2

Il presunto "avvelenamento" dell'attivista dell'opposizione extraparlamentare russa Alexey Navalny alla fine di agosto ha spinto alcuni funzionari in Europa e in altri Paesi occidentali a chiedere di sanzionare la Russia, sebbene il ruolo di Mosca non sia stato dimostrato. Il discorso si è concentrato in particolare sulle esortazioni a fermare il progetto Nord Stream 2, un imponente gasdotto offshore progettato per pompare il gas russo direttamente in Germania, attualmente nella fase finale di costruzione.

Navalny è attualmente in cura presso l'ospedale Charite di Berlino. Secondo l'ospedale tedesco, le sue condizioni sono migliorate e più a lungo è su un ventilatore e può alzarsi dal letto.

Nord Stream 2 è una joint venture da 10,5 miliardi di dollari tra la russa Gazprom, la tedesca Uniper e Wintershall, la austriaca OMV, la francese Engie e il conglomerato energetico britannico / olandese Royal Dutch Shell. Il gasdotto di 1.230 km, la cui costruzione è stata quasi completata alla fine dello scorso anno prima che gli Stati Uniti introducessero sanzioni contro un appaltatore chiave, prevede di raddoppiare l'attuale capacità di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno della rete Nord Stream. Una volta completato, fornirà alla Germania le forniture di gas e trasformerà la nazione dell'Europa centrale in un importante hub energetico.

Correlati:

Presidente austriaco non vede nessuna relazione tra il caso di Navalny e il progetto Nord Stream 2
Merkel: decisione sul futuro del Nord Stream 2 sarà presa dall'Europa, non dalla Germania
La Polonia chiede alla Germania di fermare il Nord Stream 2 per il caso Navalny
Tags:
Nord Stream 2
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook