20:46 22 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (118)
0 20
Seguici su

I test clinici del vaccino russo "Sputnik V" contro il coronavirus sono iniziati in Bielorussia, ha affermato il ministro della Sanità in carica Dmitry Pinevich.

"Si può considerare che i test clinici siano già iniziati", ha detto Pinevich, citato dall'agenzia Belta, precisando che il processo inizia dal momento della scelta dei centri dove verranno effettuati i test.

Allo stesso tempo, ha notato che il vaccino non è stato ancora somministrato ai volontari.

Secondo Pinevich, l'uso del vaccino inizierà dopo che tutti gli esperti del Centro di esami e analisi del servizio sanitario bielorusso "avranno messo la propria firma" su tutti i documenti e autorizzazioni previsti dalla legislazione nazionale e questo processo richiederà un mese.

Il giorno prima il presidente russo Vladimir Putin aveva dichiarato che la Bielorussia sarà il primo Paese a ricevere il vaccino russo contro il coronavirus.

Il vaccino russo Sputnik V

Lo scorso 11 agosto il governo russo aveva registrato ufficialmente Sputnik V come il primo vaccino al mondo contro COVID-19.

Sputnik V è stato sviluppato da specialisti del Centro Gamaleya con il sostegno del Fondo Russo per gli Investimenti Diretti (RDIF). Gli esperti hanno sottolineato che durante gli studi clinici, tutti i volontari hanno sviluppato livelli di anticorpi elevati, nessuno ha avuto gravi complicazioni.

Il capo dell'RDIF, Kirill Dmitriev, ha riferito che il fondo ha ricevuto richieste da più di 20 Paesi per l'acquisto di un miliardo di dosi del vaccino. Allo stesso tempo, ha osservato che la Russia ha acconsentito alla produzione di vaccini in cinque di essi.

Secondo lui, le attuali capacità disponibili consentono di produrre 500 milioni di dosi all'anno.

Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (118)
Tags:
Bielorussia, Russia, Coronavirus, vaccino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook