03:19 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 10
Seguici su

Gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein, rappresentati a Washington dai loro Ministri degli Esteri, sono destinati a diventare rispettivamente il terzo e il quarto paese arabo a normalizzare le relazioni con Israele dopo che l'Egitto lo ha fatto nel 1979 e la Giordania nel 1994.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che cinque o sei paesi potrebbero raggiungere accordi diplomatici simili con Israele in futuro.

"Siamo invece molto lontani dalla strada con ulteriori cinque paesi", ha detto Trump, citato da un rapporto della Casa Bianca.

Inoltre il presidente ha affermato che la sua amministrazione sta attualmente parlando con i palestinesi.

"Questo può portare alla pace, una vera pace, in Medio Oriente. Si può avere la pace senza sangue sulla sabbia", ha affermato Trump nello Studio Ovale salutando il Ministro degli Esteri degli Emirati Arabi, lo sceicco Abdullah bin Zayed Al Nahyan, fratello del potente principe ereditario di Abu Dhabi.

Il magnate e presidente degli Stati Uniti ha fatto le sue osservazioni prima della firma di storici accordi diplomatici tra Israele e due nazioni arabe del Golfo che potrebbero annunciare un cambiamento considerevole nelle dinamiche di potere del Medio Oriente.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu e la delegazione del Bahrein guidata dal Ministro degli Esteri Abdullatif Al-Zayani sono già arrivati alla Casa Bianca prima della cerimonia della firma.

L'11 settembre Israele e Bahrein hanno deciso di normalizzare le loro relazioni. I due paesi hanno deciso di stabilire relazioni diplomatiche un mese dopo che un simile accordo storico è stato raggiunto tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti, che, tra le altre cose, hanno chiesto a Israele di rinunciare ai suoi piani per estendere la sovranità su parti della West Bank. L'accordo è giunto grazie alla mediazione degli Stati Uniti e, in seguito al ruolo rivestito nel processo, Donald Trump è stato nominato per il Nobel per la pace.

Il Bahrein è quindi diventato il quarto paese arabo a riconoscere Israele. I primi due furono l'Egitto nel 1979 e la Giordania nel 1994.

L'Autorità Nazionale Palestinese ha condannato le iniziative di pace statunitensi in quanto sbilanciate a favore di Israele e ha criticato gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrein per aver eroso la comune posizione araba, che offriva la normalizzazione a Israele come ricompensa per il ritiro dai 'territori occupati'.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook