00:00 24 Ottobre 2020
Mondo
URL abbreviato
113
Seguici su

Questa settimana la guardia costiera della Marina reale marocchina ha intercettato 168 migranti che cercavano di raggiungere la Spagna con mezzi di fortuna, incluso kayak e moto d'acqua, secondo quanto riferisce l'agenzia Map, menzionando fonti militari.

Non solo barche, ma tutti i mezzi di fortuna possono essere utili ai migranti clandestini decisi ad attraversare quei 15 chilometri di mare che separano il Marocco dall'Europa, approdando sulle coste spagnole.

La guardia costiera della Marina reale del Marocco ha allertato su attraversamenti effettuati tramite l'utilizzo di kayak e moto d'acqua, tra i 168 migranti intercettati negli ultimi sette giorni.  

I migranti intercettati mercoledì e giovedì, tutti provenienti dall'Africa subsahariana, sono stati ricondotti in vari porti del nord del regno e consegnati alle autorità dopo aver ricevuto le cure necessarie a bordo delle motovedette della Royal Navy, rende noto la stessa fonte.

Accordi europei sui migranti

Secondo l'agenzia Frontex gli arrivi di migranti sulle coste spagnole lungo la rotta "occidentale" sono nei primi otto mesi del 2020, si sono dimezzati con 8.200 ingressi illegali registrati.

Gli algerini costituiscono i due terzi degli arrivi di quest'anno sulle coste della Spagna, mentre i marocchini rappresentano la seconda nazionalità. Effetto perverso degli accordi europei con Turchia, Libia e Marocco per il controllo dei confini nel Mediterraneo: l'arcipelago delle isole Canarie, a cento chilometri dalla costa africana nell'Oceano Atlantico, è tornato ad essere una delle porte d'Europa preferite dalle rotte degli scafisti, come lo era già stato dal 2006 al 2008.

Gli arrivi di migranti clandestini lì sono stati quasi moltiplicati per sette dall'inizio dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2019, raggiungendo i 3.933 dal 1 gennaio al 31 agosto, secondo il ministero dell'Interno spagnolo.

Tags:
Migranti, Marocco
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook